Bitcoin giù fino a 10mila dollari? Possibile secondo questa analisi

Criptovalute
di Redazione 28 Giugno 2021 - 11:23

Scott Minerd, CIO di Guggenheim Partners, prevede un nuovo forte calo del Bitcoin, che potrebbe attestarsi tra 10 e 15 mila dollari

Nuovo calo in arrivo per il Bitcoin? Secondo Scott Minerd, CIO della società di investimento Guggenheim Partners, la risposta è sì. Qualche mese fa Minerd ha twittato che i Bitcoin hanno dimostrato di essere simili alla bolla dei tulipani nell’Olanda del diciassettesimo secolo. Ora, intervistato dalla CNBC, l’esperto ha previsto un altro crollo del valore della criptovaluta fino a quota 10mila dollari.

TENDENZA AL RIBASSO

Quindi, secondo Minerd, il trend discendente del Bitcoin – che nel frattempo si è riportato sopra i 30mila dollari – proseguirà ancora e, per alcuni anni, potrebbe muoversi in modo laterale prima dell’arrivo di una nuova ondata rialzista. Dunque, secondo Minerd, gli investitori “non dovrebbero essere ansiosi di investire ora nel Bitcoin”. La quotazione della criptovaluta, ha spiegato l’esperto durante l’intervista, potrebbe raggiungere un valore compreso tra i 10mila e i 15mila dollari, allungando dunque il trend ribassista.

IL SONDAGGIO DI JP MORGAN

I problemi del Bitcoin sono noti, e attualmente quello principale sembra arrivare dalla stretta regolatoria decisa dalle autorità cinesi. La scorsa settimana JP Morgan ha raccolto il parere di un campione di investitori. Il sondaggio ha svelato che il 33% degli investitori è d’accordo con l’affermazione di Warren Buffett, che qualche mese fa aveva parlato dei Bitcoin come “veleno per topi al quadrato”.

E QUELLO DI BANK OF AMERICA

Scettici anche gli investitori professionali ascoltati da Bank of America, secondo i quali quello delle criptovalute è, attualmente, il secondo trading più affollato dopo quello delle materie prime. Inoltre, sempre dallo stesso sondaggio, è emerso che per l’81% i Bitcoin sono in bolla finanziaria.

Financialounge - Telegram