L’apertura dei mercati

Borse Ue in rosso dopo il rialzo dei tassi della Fed

Avvio in calo per i listini del Vecchio Continente, all’indomani delle dichiarazioni di Powell che conferma una politica aggressiva della banca centrale Usa anche nei prossimi mesi per frenare l’inflazione. Spread in rialzo

di Fabrizio Arnhold 3 Novembre 2022 09:13
financialounge -  borse FED inflazione mercati tassi
financialounge -  borse FED inflazione mercati tassi

 

Le Borse europee iniziano la giornata in rosso, dopo l’annuncio del nuovo aumento dei tassi della Fed. A Milano il Ftse Mib apre a -1,09%, il Dax di Francoforte a -0,96%, il Cac 40 di Parigi a -1,08%, l’Ibex 35 di Madrid a -1,17%, il Ftse 100 di Londra a -0,85%. Chiusura in negativo anche di Wall Street ieri, dopo le parole di Jerome Powell.

LA STRETTA CONTINUA


La prima reazione dei mercati all’atteso aumento di 75 punti base da parte della Federal Reserve era stata positiva, anche perché il rialzo era largamente atteso. Gli investitori però non hanno accolto positivamente le parole di Jerome Powell che ha confermato come la Fed aumenterà il costo del denaro più di quanto previsto in precedenza, con l’intento di frenare l’inflazione. La politica della banca centrale Usa, quindi, resterà ancora aggressiva anche nelle prossime settimane perché è “prematuro pensare di fare una pausa”

A PIAZZA AFFARI FOCUS SU STELLANTIS


Sull’azionario, a Piazza Affari occhi puntati sulle trimestrali con Stellantis (-1,67%) che prima dell’apertura dei mercati ha comunicato di aver chiuso il trimestre con ricavi netti in crescita del 29% a 42,1 miliardi. Sotto la lente ancora Tim (+0,52%), dopo i rumor sul riassetto che hanno spinto il titolo in questi ultime sedute. Ferrari (-0,33%) nell’ultimo trimestre ha messo a segno una crescita a doppia cifra per utili e ricavi.

SPREAD IN RIALZO


Il prezzo del petrolio è in discesa, con il Wti che tratta a 88,12 dollari al barile (-0,98%), mentre il Brent a 95,37 dollari al barile (-0,82%), dopo la riconferma delle linee guida sul contrasto alla pandemia da parte della Cina, che prosegue nella politica “zero Covid”. Sul fronte valutario, il cambio euro/dollaro viaggia a 0,9799. Lo spread apre in rialzo a 217 punti base, il rendimento del Btp a dieci anni sale di 16 punti base al 4,44%.
Trending