Mini-rally

Le Borse in rialzo, a Wall Street brilla Tesla

Secondo giorno di acquisti sui maggiori listini del Vecchio Continente, che provano a recuperare dai ribassi della scorsa settimana. A Piazza Affari bene Leonardo e il settore dei bancari che beneficiano dello spread sotto i 200 punti

di Fabrizio Arnhold 21 Giugno 2022 17:48
financialounge -  borse mercati Tesla Wall Street
financialounge -  borse mercati Tesla Wall Street

I listini europei archiviano la giornata in positivo, cercando così di lasciarsi alle spalle i ribassi della scorsa settimana. Hanno funzionato le rassicurazioni di Christine Lagarde sullo scudo della Bce anti-spread che sarà “efficace, proporzionato e coerente”. A Milano il Ftse Mib chiude a +0,39%, il Dax di Francoforte a +0,22%, il Cac 40 di Parigi a +0,75%, in negativo l’Ibex 35 di Madrid a -0,59% e il Ftse 100 a +0,56%.

WALL STREET IN VERDE DOPO PAUSA FESTIVA


La Borsa di New York prosegue la seduta in positivo, dopo essere stata chiusa ieri e dopo la peggiore settimana dal marzo 2020. Il Dow Jones, che ha terminato le ultime due sedute sotto i 30mila punti, è in progresso del +2,6% a 30.500 punti, lo S&P 500 viaggia a ridosso dei 3.800 punti (+2,65%), in deciso rialzo anche il Nasdaq a +3,32% a 11.116 punti.

TESLA GUADAGNA FINO AL +5%


Tra i titoli sotto la lente oggi, Tesla sale di oltre il 5%, dimostrandosi tra i più tonici dello S&P 500, dopo che l’amministratore delegato Elon Musk ha chiarito che i licenziamenti interesseranno solo il 3,5% della forza lavoro totale, una cifra definita “non molto importante”. Nelle scorse settimane erano circolate voci su possibili tagli fino al 10% dei posti di lavoro totali.

A PIAZZA AFFARI BRILLA LEONARDO


Tra i titoli migliori di giornata, a Piazza Affari, si è distinto Leonardo (+3,5%) con gli analisti che promuovono come “strategica” la fusione Rada-Drs. Non entusiasma l’ipotesi di Vivendi che ha quotato 31 miliardi la rete fissa di Tim (+1,77%). La discesa dello spread sotto quota 200 punti base ha favorito il credito, come Banco Bpm (+2,2%), UniCredit (+0,9%) e Intesa Sanpaolo (+0,7%).
Trending