Nel 2021

Utili e ricavi record per Fineco

Conti positivi per Fineco, che annuncia la distribuzione di un dividendo da 0,39 euro per azione. L'amministratore delegato Foti: "Futuro sempre più digitale, per noi sarà un vantaggio"

di Antonio Cardarelli 9 Febbraio 2022 16:18
financialounge -  Alessandro Foti Fineco trimestrali
financialounge -  Alessandro Foti Fineco trimestrali

È stato un 2021 da incorniciare per Fineco. Ricavi e utili hanno toccato nuovi record nell'anno concluso da poco, come si evince dai conti presentati oggi. Andando nel dettaglio dei dati, i ricavi nel 2021 sono stati pari a 804,5 milioni di euro (+7,4% rispetto all'anno precedente) mentre l'utile netto è stato di 349,2 milioni (+7,6%).

L'APPORTO DELL'ASSET MANAGEMENT


Guardando i numeri presentati da Fineco, il margine finanziario si è attestato a 280 milioni di euro, poco più dei 279,7 milioni del 2020, grazie ai profitti dalla gestione della Tesoreria, che hanno controbilanciato la flessione del margine d'interesse causata principalmente dalla discesa dei tassi d'interesse di mercato. Come si legge nella nota di accompagnamento diffusa da Fineco, le commissioni nette nel 2021 sono ammontate a 450,8 milioni (+18,8%). Un dato riconducibile all'aumento delle commissioni nette dell'area Investing (+29,9%) grazie anche al maggior contributo di Fineco Asset Management. Un contributo sottolineato anche dall'ad Alessandro Foti nel corso della conferenza stampa di commento dei risultati.

DIVIDENDO IN ARRIVO


L'utile netto per il 2021 è stato di 349,2 milioni (+7,6%). Alla luce di questi numeri, il cda di Fineco ha approvato la proposta di distribuzione di un dividendo unitario di 0,39 euro per azione. Proposta che sarà sottoposta all'approvazione dell'assemblea degli azionisti, convocata per il giorno 28 aprile 2022. Il dividendo, se approvato, sarà messo in pagamento il 25 maggio 2022 con 'stacco' della cedola il giorno 23 maggio 2022'.

I CONTI DEL QUARTO TRIMESTRE


Andando a guardare il dettaglio del quarto trimestre 2021, si scopre che i ricavi sono stati pari a 207,6 milioni (+7,3% rispetto al terzo trimestre 2021 e +18% rispetto al quarto trimestre 2020). Il margine finanziario è stato di 62,9 milioni, in flessione del 9,2% rispetto al trimestre precedente e dell'1,9% rispetto allo stesso trimestre del 2020. Il gruppo - si legge nella nota - conferma la sua solidità patrimoniale con un CET1 ratio al 18,80% al 31 dicembre 2021 rispetto al 18,37% al 30 settembre 2021 e al 28,56% al 31 dicembre 2020.

DIVIDENDI IN CRESCITA


Commentando i numeri Alessandro Foti, amministratore delegato di Fineco, ha detto che i dividendi potrebbero "salire costantemente" nei prossimi anni, sottolineando però che l'obiettivo è "mantenere sotto controllo il bilancio, alla luce anche delle opportunità che si presenteranno e degli investimenti che la società deciderà di realizzare". Le cedole, dunque, verranno decise in base alle condizioni di mercato, alle opportunità di spesa.


Alessandro Foti

"RIMANERE INNOVATIVI"


"La nostra principale sfida per il futuro sarà quella di rimanere disruptive e innovativi, controllando sempre il bilancio", ha aggiunto Alessandro Foti. Lo stesso ad ha ricordato come il futuro sarà sempre più digitale e ciò sarà un'opportunità per Fineco perché "abbiamo un vantaggio rispetto alla concorrenza". "Non ci spaventa l'investimento nella digitalizzazione di Intesa e UniCredit, anzi vengono a competere in un terreno che noi conosciamo bene. È stato sdoganato definitivamente quello che è il nostro mondo, quindi questa è una bellissima notizia", ha aggiunto Foti. Piazza Affari ha accolto positivamente i conti di Fineco e il titolo è in rialzo di oltre tre punti percentuali.
Trending