La view

AXA IM: “Nel 2023 sarà opportuno tornare a concentrarsi sulla sostenibilità”

L’inflazione, la stretta monetaria e i rischi geopolitici nel 2022 hanno costretto a una rivalutazione del mercato azionario e obbligazionario

di Francesco Rapetti 31 Dicembre 2022 13:00
financialounge -  Axa Im Chris Iggo economia energia ESG sostenibilità
financialounge -  Axa Im Chris Iggo economia energia ESG sostenibilità

Nell'analisi realizzata da Chris Iggo, CIO di AXA IM Core, si afferma che con il passaggio da una bassa inflazione e bassi tassi di interesse a un contesto inflazionistico con tassi di interesse al rialzo, i rendimenti ne hanno risentito, mentre i mercati cercavano di adattarsi al nuovo scenario. Tuttavia, quando tale contesto tornerà a stabilizzarsi e l’ossessione per inflazione e rialzi dei tassi finirà, è importante che la comunità finanziaria torni a concentrarsi invece sulla sostenibilità.

INVESTIRE RESPONSABILMENTE


Investire responsabilmente significa andare alla ricerca di strumenti che contribuiscono alla crescita economica, e dunque producono un rendimento finanziario, ma che contengono anche al minimo i costi per l’ambiente e la società civile. Sono stati fatti enormi progressi negli ultimi anni, AXA IM ritiene però che il viaggio sia appena all’inizio. L’attività economica continua a creare costi esterni. Si possono identificarne alcuni e stabilirne il prezzo, ma non vale per tutti. Negli ultimi tre anni è stato difficile trovare un compromesso tra l’attività economica e la vulnerabilità della vita agli shock esterni.

IL SETTORE DELL’ENERGIA


Anche sul fronte dell’energia, che ha attirato tanta attenzione, la strada è ancora lunga. Considerato che il 70% circa dell’uso di energia deriva ancora dai carburanti fossili, si sta aumentando l’uso di petrolio, gas e carbone con l’emissione di enormi quantità di anidride carbonica e questo nonostante la capacità di attribuire un costo alle emissioni che rende la generazione di energia tradizionale meno competitiva rispetto alle rinnovabili. Le rinnovabili rappresentano ancora solamente il 15% circa della produzione complessiva di energia.

IL TEMA DELLA TRANSIZIONE ENERGETICA


Il tema d’investimento della transizione energetica convincerà ancora di più, man mano che le nuove tecnologie si evolveranno e diventeranno più scalabili. L’idrogeno verde, per esempio, è una tecnologia ancora a livello embrionale ma potrebbe alimentare i trasporti a lungo raggio e i processi industriali ad alta energia. Le opportunità di investimento sono notevoli. Lo stesso vale per numerose tecnologie che contribuiscono all’efficienza energetica. Più diventeranno scalabili, più conveniente sarà l’energia, e più sostenibile diventerà la crescita economica. Ciò andrà a vantaggio di tutte le imprese. Nel breve termine, il calo dei prezzi dell’energia potrebbe favorire i settori industriali in genere nel mercato azionario.

I RISCHI PER LA BIODIVERSITÀ


La biodiversità come concetto di investimento è importante quanto il clima, ma è difficile misurare e attribuire un prezzo alle ripercussioni negative dell’attività economica sulla terra e sugli oceani. Alla comunità globale serve un sistema per valutare i rischi per la biodiversità, e si stanno facendo molti progressi in tal senso. Servono però anche più informazioni e politiche mirate. È necessario inoltre rendersi conto della necessità di cambiare alcuni aspetti fondamentali del modo di vivere.

IL SETTORE ALIMENTARE


Il settore alimentare è molto importante per via dell’intensità dell’agricoltura e dei costi negativi che può avere sull’uso dei terreni, sulle risorse idriche e sulle emissioni. Secondo l’analisi AXA IM é difficile pensare a un cambiamento nella nostra dieta alimentare se non attraverso l’educazione e politiche mirate. Non si possono fare scelte di consumo e investimento se non si hanno le informazioni necessarie sulla provenienza e sugli effetti per la salute.

UN MODELLO PIENAMENAMENTE SOSTENIBILE


L’energia pulita e rinnovabile fa bene alla società civile perché riduce i costi e i danni per l’ambiente. I cibi sani prodotti con metodi sostenibili fanno bene alla società perché riducono (potenzialmente) i costi alimentari diretti e abbassano i costi per la salute sociale. Il sistema economico deve passare a un modello più sostenibile. Gli investitori non possono agire da soli, è dura trovare gli indicatori giusti, ottemperare ai regolamenti e trovare il giusto equilibrio nella divulgazione delle informazioni e nell’impegno attivo con le aziende che operano in settori che possono avere ripercussioni negative. Chris Iggo, CIO di AXA IM Core conclude affermando che é necessario continuare ad impegnarci su questa direzione.
Trending