La giornata sui mercati

Le Borse provano a rimbalzare, a Piazza Affari titoli petroliferi in rialzo nel giorno dell'Opec+

Avvio in positivo per i listini del Vecchio Continente, dopo le parole Powell sull’accelerazione del tapering. In forte rialzo il prezzo del petrolio, nel giorno del meeting dei Paesi Opec+

di Fabrizio Arnhold 1 Dicembre 2021 09:29
financialounge -  borse FED inflazione petrolio tapering
financialounge -  borse FED inflazione petrolio tapering

Sempre alta volatilità sui mercati. Dopo i cali di ieri, le Borse europee provano a rimbalzare nella seduta di oggi, con il Ftse Mib a Milano che in avvio di contrattazioni segna +0,98%, il Dax di Francoforte +0,90%, il Cac 40 di Parigi +0,89%, l’Ibex 35 di Madrid +0,75% e il Ftse 100 di Londra +1,05%. Chiude in rialzo la Borsa si Tokyo, dopo tre sessioni in ribasso, con l’indice Nikkei a +0,41%, sostenuto dal rialzo del dollaro contro lo yen.

LA FED ACCELERA IL TAPERING


Il presidente della Fed, Jerome Powell ha aperto alla possibilità di un’accelerazione nel tapering (la riduzione degli acquisti della banca centrale Usa) a causa di una inflazione che non può più essere considerata transitoria. Le parole del numero uno della Federal Reserve spingono i listini del Vecchio Continente, ma anche i future di Wall Street, oggi visti in rialzo.

PETROLIO IN FORTE RIALZO


Sul versante macroeconomico, in programma la diffusione dei dati relativi all’indice Ism manifatturiero degli Stati Uniti relativo al mese di novembre. Il prezzo del greggio è in forte ascesa, nel giorno del meeting dei Paesi Opec+: si discute sull’incremento programmato della produzione da gennaio.

ATTESA PER L’OPEC+


Resta da valutare l’impatto delle crescenti misure anti contagio, introdotte dai Paesi Ue, che potrebbero far decidere i Paesi produttori in maniera diversa. I prezzi tornano quindi a salire, dopo la brusca frenata della scorsa settimana, con il Wti scadenza gennaio sfiora i 68 dollari al barile (+2,6%), il Brent febbraio viene scambiato a 71,3 dollari al barile, in crescita del 3%.

SI RISOLLEVA L’EURO


Nel valutario, l’euro si rafforza dopo aver toccato 1,1235 dollari sulle parole di Powell riguardo inflazione e politica monetaria. Il cambio euro dollaro si attesta a 1,1363. Lo spread apre in leggero rialzo a 132 punti base mentre il rendimento del Btp torna sopra l’1%. A Piazza Affari sotto la lente i titoli petroliferi, spinti dalla corsa del petrolio: Eni, Saipem e Tenaris guadagnano il 2%.
Trending