Renault

Crisi dell’auto, Renault pronta a tagliare 15mila posti

La casa automobilistica francese pronta a ridurre il personale di 4600 unità solo in Francia. Trattative con il governo per un prestito da 5 miliardi

di Chiara Merico 29 Maggio 2020 09:52
financialounge -  Renault tagli
financialounge -  Renault tagli

Renault sarebbe pronta a tagliare 15mila posti di lavoro nel mondo, di cui circa 4.600 in Francia. Lo hanno riferito ieri i media francesi: il piano di ristrutturazione del gruppo automobilistico transalpino dovrebbe essere ufficialmente reso noto oggi, ed è stato presentato ieri ai sindacati.

RIDUZIONE DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA


La capacità di produzione nel mondo di Renault dovrebbe essere ridotta a 3,3 milioni di veicoli, contro i 4 milioni attuali. L’azienda spera di coprire la totalità dei tagli al personale con uscite volontarie, misure interne di sostegno e pensionamenti: le trattative con i rappresentanti dei lavoratori in Francia cominceranno da giugno.

TRATTATIVE CON IL GOVERNO


L’industria automobilistica affronta una crisi profonda a causa del coronavirus; l’epidemia ha fatto crollare le vendite in tutto il mondo e ha costretto i cittadini a stare a casa per rallentare il contagio. Renault sta trattando con il governo francese per ottenere un prestito da 5 miliardi di euro garantito dallo Stato, ma l’esecutivo di Parigi, a quanto si è appreso, aveva posto come condizioni che siano garantiti i posti di lavoro e la produzione in Francia.

“Renault potrebbe scomparire”, così il ministro dell’Economia francese sulla crisi del settore auto


“Renault potrebbe scomparire”, così il ministro dell’Economia francese sulla crisi del settore auto






L’ALLARME DI LE MAIRE


Il governo, primo azionista di Renault con il 15% del capitale, spinge anche perché la casa automobilistica partecipi a un’iniziativa europea per le batterie delle auto elettriche. Pochi giorni fa il ministro dell’Economia Bruno Le Maire aveva fatto sapere che la casa automobilistica rischia addirittura di scomparire, se non dovesse riuscire a riadattarsi dopo la crisi del coronavirus.
Read more:
Trending