azioni

I super ricchi americani hanno sempre più azioni in portafoglio

Gli andamenti dei prezzi delle azioni hanno un effetto significativo sulla spesa delle famiglie dei super ricchi: in particolare per quanto riguarda i beni di lusso, in gran parte acquistati proprio dalle famiglie benestanti

21 Febbraio 2019 09:30

Che i portafogli degli americani siano tra più esposti a livello internazionale al mercato azionario non è una novità. E anche che le famiglie benestanti statunitensi siano più inclini a investire a Wall Street rispetto a quelle meno abbienti. Ma forse quello che non tutti sanno è che i super ricchi a stelle e strisce possiedono titoli azionari in misura sempre maggiore.

PIU’ REDDITO PIU’ AZIONI IN PORTAFOGLIO


"Le partecipazioni azionarie sono più che triplicate in stretta relazione con il reddito disponibile a livello aggregato e sono aumentate notevolmente anche per i gruppi di ricchezza medio e medio-alto", ha affermato, in una ricerca resa nota a inizio febbraio, Ben Carlson, consulente di portafoglio presso Ritholtz Wealth Management. In particolare lo 0,1% e l'1% delle famiglie statunitensi più abbienti in assoluto (cioè i super ricchi) ora detengono rispettivamente circa il 17% e il 50% del totale di tutte le azioni detenute dalle famiglie Usa, con un aumento significativo rispetto al 13% e al 39% che contabilizzavano alla fine degli anni '80. Si tratta di un fenomeno che, secondo gli analisti di Goldman Sachs, trova spiegazione anche nel fatto che si è allargata sempre di più negli ultimi anni la forbice tra i più ricchi e i meno benestanti.

L’IMPATTO DELLA BORSA SULLA SPESA


Una situazione di cui si deve tenere conto dal momento che gli andamenti dei prezzi delle azioni hanno un impatto significativo soprattutto sul settore dei beni di lusso. "I movimenti dei prezzi azionari hanno un effetto significativo sulla spesa delle famiglie dei super ricchi", ha puntualizzato un analista indipendente, che ha poi aggiunto: "E’ possibile verificare la forte relazione che esiste tra la spesa per beni di lusso, in gran parte acquistati dalle famiglie benestanti, e i prezzi delle azioni”. In pratica, al crescere della sensazione di maggiore ricchezza proveniente dal rialzo di Borsa, aumenta la disponibilità di spesa delle famiglie super ricche verso i prodotti e i marchi di lusso e viceversa.

New York è la città preferita dai super ricchi


New York è la città preferita dai super ricchi






EFFETTI SUI BENI DI LUSSO


La severa correzione di Wall Street del quarto trimestre 2018, e ancora più in particolare a dicembre (il peggior dicembre in Borsa dal 1930), potrebbe pertanto determinare effetti sulla spesa dei consumatori, soprattutto per quanto riguarda i beni di lusso. “Il calo dei prezzi del mercato azionario non dovrebbe tradursi in una minore diminuzione della spesa per consumi rispetto agli anni precedenti, perché le famiglie ricche sembrano ora sopportare una percentuale maggiore di perdite", ha però dichiarato Daan Struyven, senior economist di Goldman Sachs.

OLTRE LA META’ DEGLI AMERICANI POSSIEDE AZIONI


Tuttavia, nel quarto trimestre del 2018, la soddisfazione personale-finanziaria media americana è diminuita, secondo un rapporto pubblicato a febbraio dall'Istituto Americano dei Cpa (vedi articolo Finanza, per gli americani più dolori che gioie). Resta il fatto che Gallup ha rivelato che oltre la metà di tutti gli americani possiede azioni proprie ma che la media dei risparmi (come sommatoria di fondi pensione, depositi monetari, fondi comuni, certificati di investimento e conti di deposito) risulta fortemente distortA dai redditi più alti. L'1% delle famiglie con reddito superiore (i super ricchi) ha una media di 2,5 milioni di dollari in conti, mentre il 20% meno abbiente ha una media di soli 8.870 dollari di risparmi. Più in generale, la famiglia americana media ha 277.670 dollari in conti pensionistici ma soltanto 72.840 dollari di risparmi finanziari.
Trending