USA, i cambiamenti climatici minacciano la crescita economica

cambiamenti climatici
26 Novembre 2018 - 11:04

Un importante rapporto redatto da 13 agenzie federali rivela che i cambiamenti climatici rappresentano una minaccia per la salute degli americani e per il benessere economico del paese.

Senza una sostanziale e sostenuta mitigazione del clima a livello globale e se non si produrranno tutti gli sforzi per garantire un adeguato adattamento regionale, si prevede che il cambiamento climatico causerà crescenti perdite alle infrastrutture e alle proprietà americane e ostacolerà il tasso di crescita economica nel corso di questo secolo. A rivelarlo è il quarto book nazionale di valutazione del clima (Fourth National Climate Assessment Volume II: Impacts, Risks, and Adaptation in the United States (NCA4 Vol. II) pubblicato venerdì 23 novembre e basato sul Climate Science Special Report _NCA4 Vol. I.

UN PROGRAMMA AVVIATO DA REAGAN NEL 1990

Nel 1990, il presidente Ronald Reagan diede il via al programma di ricerca sui cambiamenti climatici negli Stati Uniti, e il Congresso ordinò che venisse rilasciato un rapporto almeno ogni quattro anni: uno studio approfondito sul significato dei cambiamenti climatici, passati, presenti e futuri, per l’ambiente e gli asset degli Stati Uniti. Nei decenni successivi, sono state rilasciate quattro delle National Climate Assessments, ognuna delle quali ha valutato i principali impatti e vulnerabilità al cambiamento climatico dei diversi settori e delle differenti regioni degli Stati Uniti. I risultati sono sempre più preoccupanti e sempre più globali nelle loro implicazioni.

UN PANEL DI OLTRE 300 ESPERTI

Il report è stato redatto da oltre 300 esperti, un panel di professionisti e specialisti che elencano nei dettagli gli impatti legati ai cambiamenti climatici, compresi problemi relativi alla salute della popolazione, alla qualità dell’acqua, all’agricoltura, al turismo e alle infrastrutture. Per esempio, gli autori hanno scritto che le inondazioni diminuiranno i raccolti, gli oceani riscaldati rallenteranno l’industria dei molluschi e lo stress da calore causerà un calo della produzione lattiero-casearia, per descrivere solo alcuni degli effetti economici. Il rapporto osserva che se le autorità pubbliche e i cittadini non agiscono per ridurre i loro effetti, si prevede che i cambiamenti climatici influenzeranno i prezzi di importazione ed esportazione senza esclusione neppure per le attività degli Stati Uniti basate sulle catene di approvvigionamento all’estero.

IL CAMBIAMENTO CLIMATICO E’ GIA’ COSTATO 350 MILIARDI

“Con la continua crescita delle emissioni, le perdite annuali in alcuni settori economici dovrebbero raggiungere centinaia di miliardi di dollari entro la fine del secolo, a livelli superiori all’attuale prodotto interno lordo (PIL) di molti stati degli Stati Uniti” puntualizzano gli autori. A questo proposito, vale la pena ricordare che uno studio del 2017 a cura dell’U.S. Government Accounting Office ha rilevato che il costo del cambiamento climatico al budget di spesa degli Stati Uniti era stato di circa 350 miliardi di dollari nel decennio precedente.

Video – Salone SRI, declinare la sostenibilità

Salone SRI, declinare la sostenibilità

TIMING DI DIFFUSIONE SOSPETTO

Alcuni osservatori hanno criticato le tempistiche di diffusione del report, cioè proprio venerdì 23 novembre in concomitanza dell’imponente flusso di notizie nel giorno in cui circa 164 milioni di americani avrebbero dovuto prestare molta attenzione alle offerte del Black Friday nei negozi o online. Una critica legata anche al fatto che proprio la settimana scorsa il presidente Donald Trump aveva messo in discussione i cambiamenti climatici, notando in un tweet che le temperature erano ai minimi storici.

Video – Il valore dell’educazione finanziaria nel mondo ESG

Il valore dell’educazione finanziaria nel mondo ESG

EFFETTI EVIDENTI

Resta il fatto che il rapporto arriva mentre la California ha subito i suoi incendi più devastanti di sempre e gran parte della costa orientale si sta ancora faticosamente riprendendo da un’intensa stagione degli uragani. “Non c’è posto dove nascondersi dai cambiamenti climatici in America sia oggi che in futuro”, ha commentato Benjamin Strauss, CEO e chief scientist presso il New Jersey nonprofit Climate Central, che ha poi aggiunto: “Sia che si tratti di incendi in aumento in Occidente, che crescenti nubifragi in Oriente, o qualsiasi altra situazione tra i due estremi del paese, stiamo già osservando i cambiamenti climatici in modo piuttosto evidente”.

Financialounge - Telegram