auto elettrica

Tesla come Yahoo! vent’anni fa?

Nel 1998 stava montando la bolla di Internet e la società californiana ne era il simbolo, Google doveva ancora nascere. Oggi Tesla è portabandiera della rivoluzione dell’auto elettrica. Sarà protagonista o anche qui arriverà una Google?

6 Aprile 2018 07:50
financialounge -  auto elettrica Elon Musk facebook google Morning News Tesla Waymo yahoo
financialounge -  auto elettrica Elon Musk facebook google Morning News Tesla Waymo yahoo

Se il primo trimestre dell’anno è stato turbolento a Wall Street, per Tesla sono stati tre mesi sulle montagne russe: dai massimi di 357 dollari il 26 gennaio è piombata in area 250 tra fine marzo e inizio aprile. Nonostante una produzione quadruplicata nell’ultimo trimestre e un traguardo di 5.000 Model 3 sfornate alla settimana entro il secondo trimestre, gli investitori riservano fortune alterne alla società di Elon Musk, che da inizio 2013 ai massimi toccati a settembre 2017 ha quasi decuplicato le quotazioni di Borsa.

[caption id="attachment_125196" align="alignnone" width="643"]L'andamento del titolo Tesla (fonte: Teleborsa.it) L'andamento del titolo Tesla (fonte: Teleborsa.it)[/caption]

IL SIMBOLO DELLA RIVOLUZIONE IN ARRIVO


Tesla è ancora percepita come il simbolo della rivoluzione in arrivo che cambierà volto ai trasporti privati, combinando intelligenza artificiale e robotica nell’auto elettrica. Così come 20 anni fa, mentre montava la bolla di Internet e della new economy, il simbolo di quella rivoluzione era Yahoo! Nel 1998 era la porta di accesso per chiunque si stesse avvicinando alla novità globale di Internet, e in Borsa era una corsa sfrenata al rialzo che la portò al massimo di tutti i tempi di 118,75 $ per azione il 3 gennaio del 2000. Una ventina di mesi dopo valeva solo 8 $ e qualcosa. Nel 2016 venne comprata da Verizon Communications nel “più triste affare da 5 miliardi di dollari della storia del tech”, come è stato definito da qualcuno. Ed oggi è sostanzialmente una media company basata su Internet. Che tra l’altro deve affrontare un processo per la clamorosa fuga di dati che, tra il 2013 e il 2016, interessò 3 miliardi di utenti.

APPROFONDIMENTO
Corsa al nichel, il metallo “introvabile” delle batterie di ultima generazione

GOOGLE DOVEVA ANCORA NASCERE


La gestione problematica dei dati sensibili accomuna Yahoo! a Facebook – oggi al centro dello scandalo Cambridge Analytica – anche se lo scettro dell’azienda fondata da Filo e Yang è stato preso non da Facebook, ma da un altro gigante della tecnologia. Vent’anni fa chi credeva che il futuro fosse Internet sicuramente non sbagliava, ma quel futuro non si chiamava Yahoo! anche se era stata il pioniere che aveva aperto la porta, bensì Google. Vent’anni fa nessuno ne conosceva ancora il nome, perché non era ancora stata fondata, la data di nascita è settembre 1998.

APPROFONDIMENTO
Il caso Facebook non frena i titoli tecnologici di Wall Street

C’è una Google anche nel futuro dell’auto elettrica che si guida da sola? Per il momento l’azienda di Musk sembra segnare il passo, complice non solo l’incidente che ha coinvolto una Model X nei giorni scorsi in California (con dinamica ancora da chiarire riguardo la guida autonoma) ma anche il downgrade di Moody’s sul titolo della società da B3 a B2. A proposito: Google, attraverso Waymo, è già entrata nel business delle auto elettriche a guida autonoma.
Trending