BlackRock

Le tre soluzioni per la generazione del reddito

13 Ottobre 2014 14:15
financialounge -  BlackRock come investire rendimenti strategia di investimento
financialounge -  BlackRock come investire rendimenti strategia di investimento
Nell’articolo “La ricerca di reddito per le esigenze dei risparmiatori” Bruno Rovelli, Head of Investment Advisory BlackRock Italia, ha fornito una view sui mercati finanziari finalizzata alla ricerca del reddito in un contesto di mercato in forte evoluzione. In questo articolo Luca Giorgi, Head of Retail Sales BlackRock Italia, spiega invece quali siano le soluzioni che BlackRock ha individuato per intercettare le diverse fonti di reddito presenti sul mercato e renderle disponibili ai risparmiatori.
“Innanzitutto, la generazione dell’income non può più limitarsi come in passato al solo ambito obbligazionario ma deve essere estesa anche agli strumenti azionari (high dividend, azioni globali, azioni emerging markets) e a quelli non tradizionali (prestiti bancari, debito emergente, US preferred stock, Reits): l’investitore deve pertanto essere consapevole del rischio di maggiori perdite che queste scelte potrebbero comportare” fa presente Luca Giorgi che, proprio per questa ragione, aggiunge che non si può pertanto prescindere assolutamente dal controllo del rischio.

Con queste premesse, sono sostanzialmente tre le soluzioni suggerite da BlackRock, la prima è rappresentata dal comparto BGF Global Multi Asset Income (GMAI). Si tratta di una opzione che può essere definita "bilanciata", sia perchè si confronta con un portafoglio di riferimento costituito per il 50% da azioni e per l’altra metà da obbligazioni, sia perchè è indicata a investitori con profilo di rischio medio e orizzonte temporale compreso tra i 3 e i 5 anni. Il GMAI ha come obiettivo quello di generare una rendita annua compresa tra il 4% e il 6% (quest’anno, per esempio, ha distribuito una cedola del 5,3%), senza particolari restrizioni d’investimento in termini di asset class e aree geografiche: l’esposizione valutaria è gestita in modo flessibile. Attualmente il suo portafoglio è ripartito per circa 1/3 in obbligazioni, 1/3 in azioni e 1/3 in asset class non tradizionali.

Per coloro che invece hanno un profilo di rischio più aggressivo e un orizzonte temporale d’investimento superiore ai 5 anni, la seconda soluzione proposta da BlackRock è quella relativa al BGF European Equity Income Fund (EEI).
“Questo comparto adotta una strategia azionaria europea flessibile, progettata per generare sovraperformance costanti nel tempo, massimizzando i rendimenti del portafoglio a fronte di un livello di rischio moderato e comunque contenuto rispetto al mercato sottostante” puntualizza Luca Giorgi che poi aggiunge “Il fondo predilige le aziende di buona qualità con una crescita dei dividendi superiore alla media e le società che pagano dividendi elevati. Il gestore non investe in società che presentano rischi di taglio dei dividendi; in tal modo, si punta a generare una crescita stabile del reddito e del capitale a fronte di una volatilità inferiore a quella del mercato”. Il comparto mira a generare un rendimento da dividendo medio pari ad almeno il 110% del rendimento dell’Indice MSCI Europe (net) e a sovraperformare lo stesso indice su un periodo di cinque anni.

Infine, per i risparmiatori amanti del reddito fisso o, più semplicemente, che volessero diversificare al meglio la componente obbligazionaria di portafoglio al fine di massimizzare le fonti di reddito, BlackRock suggerisce il BGF Fixed Income Global Opportunities Fund (FIGO). Si tratta di un comparto che adotta una strategia obbligazionaria globale flessibile multi settoriale senza benchmark, al fine di avere una maggiore flessibilità in termini di allocazione e un maggiore potenziale in termini di alfa, e utilizzo di una duration flessibile e libera compresa tra -2 e +7 anni. “Questo fondo ha l’obiettivo di generare alpha con un approccio flessibile. Assicura una protezione del rischio di downside attraverso un’allocazione dinamica del rischio e garantisce un’ampia diversificazione con un minor profilo di rischio e di correlazione ai mercati” conclude Luca Giorgi.
Trending