fondi comuni

I fondi comuni in soccorso alle PMI

29 Maggio 2013 - 6:30
financialounge - news
financialounge - news
L’ottimo stato di salute dell’industria italiana del risparmio gestito, e in particolare dei fondi comuni, è una buona notizia anche per l’intera manifattura italiana e, più in dettaglio per le piccole e medie imprese (PMI) nazionali.

Secondo gli addetti ai lavori, infatti, basterebbe introdurre una norma che consente ai fondi comuni di investire il 10% del patrimonio in pmi quotate e non. Una decisione che consentirebbe di destinare ingenti nuove risorse allo sviluppo delle imprese italiane in modo da garantire un supporto finanziario stabile, di medio lungo termine, e virtuoso: da un lato le pmi avrebbero una nuova importante fonte di finanziamento complementare a quella bancaria mentre dall’altra le famiglie italiane potrebbero contribuire con i propri risparmi al sostegno dell’industria e al mantenimento dei posti di lavoro.

Ricordiamo che a fine aprile il patrimonio complessivo dei fondi comuni di diritto italiano ha superato i 157 miliardi di euro.
Trending