Energia

Gas, l'Ue propone un tetto a 275 euro

La Commissione europea ha messo a punto un price cap per il gas a un livello molto elevato per "rispettare la sicurezza dell'approvvigionamento", preoccupazione espressa nei mesi scorsi anche dalla Germania

di Antonio Cardarelli 22 Novembre 2022 17:30
financialounge -  economia Gas
financialounge -  economia Gas

La Commissione europea ha presentato la sua proposta per introdurre un tetto al prezzo del gas. L'idea è di mettere un "price cap" a 275 euro al megawattora sui derivati Ttf del mese precedente. Il meccanismo, secondo la proposta, scatterebbe al verificarsi di due condizioni: quando il prezzo di liquidazione del derivato supera i 275 euro per due settimane e i prezzi sul Ttf di Amsterdam sono 58 euro più alti rispetto al prezzo di riferimento del gas naturale liquefatto per dieci giorni di negoziazione consecutivi.

RISPETTATI I DUBBI DI OLANDA E GERMANIA


Si tratta di indicazioni arrivate dalla Commissione europea in merito al regolamento che ora dovrà passare all'approvazione del Consiglio. Un price cap che, dunque, entrerà in azione solo in caso di prezzi del gas straordinariamente alti e che strizza l'occhio a quei Paesi - Olanda e Germania in testa - che fin dall'inizio si sono detti contrati all'inserimento di un tetto al prezzo del gas. La commissaria Ue all’Energia Kadri Simson ha spiegato che il tetto a un livello così elevato serve a "rispettare la sicurezza dell’approvvigionamento".

PREZZO DEL GAS INTORNO AI 120 EURO


In caso di approvazione, il nuovo regolamento entrerà in vigore dal primo gennaio 2023. Difficilmente i Paesi, come l'Italia, che invece hanno sostenuto la necessità di un tetto al prezzo del gas accoglieranno con favore questa misura. Al momento, infatti, il gas sul mercato di Amsterdam viaggia intorno ai 120 euro al megawattora, ben al di sotto dell'ipotetico tetto proposto dalla Commissione europea.
Read more:
Trending