Il commento

Fidelity: "Per la Bce sarà probabilmente l'ultimo grande rialzo di questo ciclo”

Anna Stupnytska, Global Economist di Fidelity International commenta le decisioni di politica monetaria della Banca centrale europea e guarda alle prossime mosse

di Anna Patti 28 Ottobre 2022 07:55
financialounge -  Anna Stupnytska aumento tassi BCE Fidelity International Morning News
financialounge -  Anna Stupnytska aumento tassi BCE Fidelity International Morning News

La BCE per la seconda volta consecutiva ha alzato i tassi di 75 punti base. Pertanto, i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale salgono rispettivamente al 2%, al 2,25% e all'1,50%. Si tratta del più grande rialzo dal primo trimestre 2009, quando a guidare la Bce era Jean Claude Trichet.

L’ABBANDONO DELL’ORIENTAMENTO ACCOMODANTE


La decisione presa è volta a raggiungere l’obiettivo di riportare l’inflazione al 2% a medio termine, come ribadito dalla Bce nella nota diffusa sulle decisioni.  Il consiglio direttivo, si legge inoltre nel comunicato, “definirà l'andamento dei tassi di riferimento in futuro in base all'evolvere delle prospettive per l'inflazione e l'economia, riflettendo un approccio secondo il quale le decisioni sui tassi vengono definite di volta in volta a ogni riunione". Inoltre, la Bce ha reso nota l'intenzione di procedere con altri rialzi nel prossimo meeting, senza però specificare l'entità delle mosse.

LE MOSSE DELLA BCE


Con la decisione di oggi, l'attenzione è rivolta alla traiettoria dei tassi e alle eventuali decisioni sul QT a partire da questo momento. Anna Stupnytska, Global Economist di Fidelity International sottolinea che “la BCE continua a trovarsi difronte a un forte compromesso tra un'inflazione elevata, che rimane ai massimi storici, e un rapido deterioramento delle prospettive economiche, con una recessione incombente all’orizzonte". "Probabilmente la mossa odierna sarà l’ultimo grande rialzo di questo ciclo seguito da aumenti dei tassi più contenuti e da una pausa anticipata, o addirittura dall'abbandono dell'inasprimento, rispetto alle aspettative", specifica l'esperta.

PROSPETTIVE FUTURE


Per quanto riguarda il prosieguo della politica monetaria della BCE, Anna Stupnytska, Global Economist di Fidelity International spiega: “Date le molteplici variabili in gioco, l'incertezza sulle prospettive macro europee rimane molto elevata e dipenderà soprattutto dall'entità e dalla composizione delle risposte fiscali che, insieme agli sviluppi dell'euro e degli spread dei Paesi periferici, determineranno il percorso della BCE da qui in avanti”
Trending