Contatti

L'analisi

PGIM: per navigare nelle incertezze serve una strategia macro agile

Per PGIM Wadhwani serve un’alternativa liquida dinamica e flessibile, in cui l’agilità è di primaria importanza in un ambiente in rapido cambiamento, con una robusta struttura di aggiustamento del rischio

di Virgilio Chelli 20 Settembre 2022 09:32
financialounge -  inflazione mercati PGIM PGIM Wadhwani strategia di investimento
financialounge -  inflazione mercati PGIM PGIM Wadhwani strategia di investimento

Quest’anno le principali asset class dei mercati globali hanno sofferto pesanti cali, con i tradizionali portafogli di investimento fortemente penalizzati dal momento che i bond non sono bastati ad assicurare stabilità. I decisori della politica monetaria tentano di contrastare l’inflazione senza sacrificare crescita e occupazione, ma gli investitori devono prendere in considerazione diversi esiti possibili nell’assumere decisioni. In tempi incerti, può soccorrere una strategia macro globale, per la sua capacità di includere fonti di ritorno meno correlate mantenendo la flessibilità di assumere posizioni sia al rialzo che al ribasso. Una robusta cornice di aggiustamento dinamico del rischio alle condizioni mutevoli è chiave in un efficace approccio globale macro.

COME NAVIGARE L’INCERTEZZA


Secondo le indicazioni dei gestori del fondo liquid alternative PGIM Wadhwani Keynes Systematic Absolute Return, l’agilità è di primaria importanza in un ambiente economico in rapido cambiamento. In un recente approfondimento, gli esperti hanno analizzato le difficili condizioni incontrate fin qui nel 2022 dagli asset tradizionali. I problemi delle catene di fornitura, esacerbati dalla guerra in Ucraina e dalle restrizioni anti-Covid in Cina, hanno spinto fortemente in rialzo l’inflazione globale. Le banche centrali hanno risposto con la stretta monetaria e i timori di recessione hanno impattato negativamente i mercati, con azioni, bond e immobiliare che hanno tutti sofferto nella prima parte dell’anno.

BANCHE CENTRALI E ESPERIENZA STORICA


Il team di esperti ritiene che l’azione delle banche centrali possa portare a esiti diversi, con implicazioni diverse per gli investimenti. La probabilità di un ‘atterraggio duro’ delle economie potrebbe essere più alta delle attese, anche se alcuni commenti dei policymaker suggeriscono che alla fine la Fed potrebbe andare in pausa e tollerare un’inflazione più alta. Le sfumature, comprese tempistica e comunicazioni verbali, sono importanti e potrebbero aprire la strada ad altri scenari. Anche la geopolitica conta. L’esperienza storica dice che i mercati possono ripartire quando il peggio è passato in modo tangibile, ma raramente lo fanno mentre le banche centrali sono ancora su un percorso restrittivo.

IL MODELLO 60/40 NEL 2022 NON HA FUNZIONATO


Per questo il quadro globale, fatto di tassi in rialzo e scarsa visibilità sui destini delle economie, resta sfidante per il modello tradizionale di portafoglio 60/40. Storicamente, l’esposizione ai bond ha fornito protezione rispetto ai ribassi dell’azionario, ma i recenti declini delle obbligazioni sono stati importanti, in alcuni casi i più importanti dall’inizio degli anni 90, con i rendimenti spinti al rialzo su tutta la curva, che hanno spinto i prezzi in calo offrendo così scarsa difesa a un portafoglio tradizionale.

ISOLARE FONTI DI RITORNO DIVERSE E NON CORRELATE


PGIM Wadhwani sottolinea che una strategia globale macro può consentire di isolare fonti di ritorno diverse e meno correlate, tenendo conto dei cambiamenti di regime e di mutazioni profonde del sentiment e delle attese degli investitori. La capacità di posizionarsi sia al rialzo che al ribasso su diverse asset class offre un vantaggio aggiuntivo, fornendo la flessibilità necessaria a muoversi agilmente per reagire a condizioni mutate. Quest’anno, la strategia ‘global macro’ ha generato un ritorno positivo del 9% nel primo semestre contro il -19% di un portafoglio 60/40 con la componente azionario rappresentata dallo S&P 500 e quella obbligazionaria dal Bloomberg U.S. Aggregate Bond Indexes. I gestori del fondo PGIM Wadhwani Keynes Systematic Absolute Return notano che performance divergenti di questa magnitudo offrono un’importante resilienza a portafogli diversificati in tempi di forti stress di mercato.

VOLATILITÀ CHIAVE DI LETTURA


E una strategia ‘agile’ può aiutare anche a fronteggiare la volatilità futura. Se la prima parte del 2022 rappresenta una qualche indicazione su quello che può arrivare, osservano gli esperti, la volatilità costituisce senz’altro una caratteristica prominente del mercato per quanto riguarda il futuro prevedibile. Per questo il team di PGIM Wadhwani monitora con estrema attenzione i dati, per vedere quale tra gli scenari economici possibili abbia la maggior probabilità di prevalere, seguendo anche da vicino le mosse dei policymaker per valutarne la determinazione restrittiva e costruire modelli sui tempi di una recessione possibile e su come potrebbe impattare i prezzi degli asset.
Trending