La giornata sui mercati

Borse Ue deboli alla vigilia di Jackson Hole

Avvio in calo per i listini del Vecchio Continente, con gli investitori che si aspettano un atteggiamento ancora aggressivo da parte della Fed nel tentativo di rallentare la corsa dell’inflazione. Continua a salire il prezzo del gas

di Fabrizio Arnhold 24 Agosto 2022 09:11
financialounge -  borse energia FED Gas inflazione mercati
financialounge -  borse energia FED Gas inflazione mercati

Le Borse europee iniziano la giornata all’insegna della debolezza alla vigilia dell’appuntamento con il simposio dei banchieri centrali di Jackson Hole. A Milano il Ftse Mib apre a -0,25%, il Dax di Francoforte a -0,17%, il Cac 40 di Parigi a -0,23%, l’Ibex 35 di Madrid a -0,30% e il Ftse 100 di Londra a -0,22%. Sulla Borsa di Tokyo domina la prudenza, con l’indice Nikkei che chiude ancora in rosso (-0,5%).

FED ANCORA AGGRESSIVA


Le Borse asiatiche sono in calo con gli investitori preoccupati dall’imminente rialzo dei tassi da parte della Fed, nel tentativo di limitare la corsa dell’inflazione. Ieri Fabio Panetta, membro del comitato esecutivo della Bce, ha invitato alla cautela, parlando anche di rischi di recessione.

EURO SOTTO LA PARITÀ


Sul versante valutario, l’euro torna sotto la parità con il dollaro ed è indicato a 0,9944 dollari da 1,0002 ieri in chiusura. In lieve ribasso il prezzo del petrolio, con il Brent ottobre che tratta a 99,82 dollari (-0,4%), mentre il Wti cede lo 0,22% a 93,53 dollari. Non si ferma la corsa del gas, con la crisi energetica che sta mettendo sotto pressione l’Europa: il contratto di riferimento guadagna il 2,5% a 276 euro per megawattora.

A PIAZZA AFFARI DA SEGUIRE TIM


Per quanto riguarda i singoli titoli, a Piazza Affari occhi puntati su Tim, che martedì 23 ha registrato un mini rimbalzo dal suo minimo storico. L’ad di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, ha difeso il progetto di separazione della rete. Oggi è atteso l’incontro il con premier Mario Draghi al meeting di Rimini, dopo che ieri c’è stato il confronto dal palco tra i vari leader politici in vista delle elezioni del 25 settembre. Lo spread apre in rialzo a 233 punti base, il rendimento al 3,68%.
Trending