La giornata sui mercati

Borse europee preoccupate per caro-gas con euro su minimi ultimi 20 anni

Avvio debole per i listini del Vecchio Continente, con gli investitori preoccupati per corsa record dell’energia e inflazione. Focus su Jackson Hole e le prossime mosse delle banche centrali. Petrolio in ripresa

di Fabrizio Arnhold 23 Agosto 2022 09:13
financialounge -  borse dollaro energia euro Gas inflazione mercati
financialounge -  borse dollaro energia euro Gas inflazione mercati

Mercati spaventati dalla corsa dei prezzi dell’energia e delle mosse restrittive della banche centrali per contrastare l’inflazione. L’euro resta sotto la parità sul dollaro sui minimi da 20 anni. A Milano il Ftse Mib apre a -0,13%, il Dax di Francoforte a -0,31%, il Cac 40 di Parigi a -0,49%, l’Ibex 35 di Madrid a -0,27% e il Ftse 100 di Londra a -0,32%. In rosso anche la Borsa di Tokyo, con l’indice Nikkei che chiude la giornata a -1,2%, rallentato dalle perdite di Wall Street.

OCCHI SULLA FED


Non si ferma il rally dell’energia che alimenta i timori degli investitori, già preoccupati per l’inflazione che non sembra rallentare la sua corsa. Gli occhi adesso sono puntati su Jackson Hole e sulle prossime mosse delle banche centrali, iniziando dalla Federal Reserve, per valutare se le politiche restrittive possano in qualche modo avere un impatto sui prezzi.

EURO SUI MINIMI DA 20 ANNI


Riparte al rialzo il prezzo del gas sulla piattaforma europea: ieri in chiusura era a 281 euro per chilowattora e oggi scambia a 290 euro per chilowattora. L’euro resta sui minimi da 20 anni a 0,9913 dollari, dopo aver rotto al ribasso anche il minimo di luglio a 0,9952 dollari.

SALE ANCHE IL PETROLIO


In rialzo anche il petrolio, con il Wti a 90,94 dollari al barile (+0,65%), mentre il Brent tratta a 96,97 dollari (+0,5%), con l’Opec che potrebbe dare un taglio alla produzione. A Piazza Affari bancari sotto la lente, con Mps (-2,11%) che non riesce a risalire dal minimo storico, ma anche Eni (+1,27%) dopo che la società ha annunciato la scoperta di un maxi-giacimento al largo di Cipro. Lo spread apre in lieve calo a 228 punti base, scende anche il rendimento, che si assesta al 3,56%, in calo di 5 punti base.
Trending