La giornata sui mercati

Le Borse europee iniziano il semestre in rosso in attesa dell’inflazione nell'Eurozona

Avvio sotto la parità per i listini del Vecchio Continente, con i timori in aumento degli investitori per una stretta monetaria più aggressiva. In calo il prezzo del petrolio dopo che i Paesi Opec+ hanno confermato aumento offerta

di Fabrizio Arnhold 1 Luglio 2022 09:30
financialounge -  borse inflazione mercati spread
financialounge -  borse inflazione mercati spread

Il secondo semestre del 2022 inizia in rosso per le Borse europee. Oggi si attente il dato clou dell’inflazione dell’Eurozona, che potrebbe far registrare un ulteriore aumento. A Milano il Ftse Mib segna -0,74%, il Dax di Francoforte -0,58%, il Cac 40 di Parigi -0,45%, l’Ibex 35 di Madrid -0,22% e il Ftse 100 di Londra -0,26%. La Borsa do Tokyo archivia la settimana in netto calo, con l’indice Nikkei a -1,7%, sulla scia dell’andamento negativo di Wall Street.

IL GIORNO DELL’INFLAZIONE


Il dato sull’inflazione nell’Eurozona potrebbe mettere a segno un ulteriore progresso, con gli analisti che attendono un +8,5%. Questo potrebbe comportare un aumento dei timori degli investitori per una stretta monetaria da parte della Bce più aggressiva del previsto. Il rischio è un ulteriore rallentamento della crescita non solo in Europa ma a livello mondiale.

SEMESTRE DI VENDITE


I primi sei mesi del 2022 sono stati caratterizzati dai forti cali sui listini globali. Milano alla viglia ha chiuso ai minimi da 19 mesi, cedendo nel semestre oltre il 22%. Wall Street ha registrato sull’indice S&P 500 il peggior primo semestre del 1970. Sul fronte macro, l’indice di fiducia delle imprese manifatturiere in Giappone (indice Tankan) mostra una brusca frenata a giugno. Sopra le attese, invece, la produzione manifatturiera in Cina.

PETROLIO IN CALO


In discesa la quotazione del greggio, dopo che l’Opec+ ha confermato i piani di aumento dell’offerta. Alcuni Stati però faticano a far fronte alla maggiore produzione di barili, Arabia Saudita in primis. Il Wti cala dello 0,80% a 109,41 dollari al barile mentre il Brent dello 0,57% e scambia a 108,41 dollari al barile. Il cambio euro/dollaro passa di mano a 1,0466 (-0,14%). Lo spread si allarga in avvio a 205 punti base.
Trending