Vendite di fine stagione

Saldi al via in tutta Italia dal 2 luglio

Stanno per partire le vendite a prezzi scontati che, quest’anno, inizieranno nella stessa data in tutta Italia. Ecco qualche regola da seguire per andare a caccia di saldi senza avere brutte sorprese

di Redazione 29 Giugno 2022 14:31
financialounge -  commercio regole saldi Sconti
financialounge -  commercio regole saldi Sconti

Ci siamo. Anche quest’anno tornano i saldi, per la felicità di esercenti e clienti. Gli sconti saranno attivi dal 2 luglio in quasi tutte le regioni fino al 15 settembre. La prima ad inaugurare la stagione è la Sicilia che anticipa di un giorno, il 1° luglio. Nelle altre regioni si parte sabato 2 luglio. In Friuli Venezia Giulia la stagione degli sconti proseguirà fino al 30 settembre.

UNA DATA UNICA


Negli anni passati ogni regione iniziava la stagione dei saldi in date diverse. La scelta di adottare una data unica, quella del 2 luglio, è stata presa dopo che in sede di Conferenza delle Regioni è emersa la necessità di mantenere un inizio uguale per tutti, il primo sabato di luglio 2022, nel tentativo di dare più linfa al mercato condizionato dai lockdown e per evitare ulteriore confusione tra consumatori ed operatori.

A CACCIA DI OCCASIONI


I saldi hanno un duplice scopo, per prima cosa mirano ad aumentare le vendite ma, allo stesso tempo, permettono un notevole risparmio per chi acquista. Anche per questo motivo, quindi, è bene tenere a mente alcune semplici regole che permetteranno di prendere parte allo shopping a prezzi ribassati, senza il rischio di incappare in brutte sorprese.

I CONSIGLI DA SEGUIRE


I negozianti sono obbligati ad esporre il prezzo originale e quello scontato della merce in saldo, con la relativa percentuale di sconto applicata. Questa è la prima regola fondamentale per consentire ai clienti di effettuare acquisti senza incorrere in errori o valutazioni di prezzo errate. Bisogna precisare che la possibilità di cambiare un capo di abbigliamento acquistato in saldo non è sempre garantita, ma sta alla discrezionalità dell’esercente. A meno che il prodotto abbia dei difetti, allora in questo caso il cambio è d’obbligo, secondo quanto previsto dell’art. 130 e ss. d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Codice del Consumo.

SALDI ANCHE ONLINE


Nei due anni di pandemia, è cresciuto il numero di italiani che effettua acquisti online. E non solo per i generi alimentari, l’ecommerce ha avuto una accelerata in diversi settori. La vendita di prodotti in saldo, quindi, vale anche per gli acquisti effettuati online. In questo caso alcuni siti di ecommerce hanno già iniziato a proporre merce in saldo, ancora prima della data ufficiale delle vendite di fine stagione, ossia sabato 2 luglio 2022.
Trending