Strategie e mercati

AllianceBernstein: come navigare la volatilità del mercato azionario

Gli esperti di AllianceBernstein sottolineano l’importanza di guardare a redditività, solidità dei bilanci e investimenti nel futuro per un portafoglio growth in grado di resistere e cavalcare la ripresa

di Virgilio Chelli 21 Giugno 2022 07:55
financialounge -  AllianceBernstein Frank Caruso Morning News
financialounge -  AllianceBernstein Frank Caruso Morning News

I titoli growth sono soggetti a forti pressioni per l’aumento dei tassi che modifica le dinamiche che ne determinano le valutazioni. Ma gli investitori non dovrebbero lasciarsi distrarre dalla volatilità e dovrebbero apprezzare le imprese in grado di assicurare una crescita sostenibile in un’economia stagnante per i loro vantaggi commerciali e il loro potenziale di rendimento. Sono le ’indicazioni di un’analisi di Frank Caruso, Chief Investment Officer US Growth Equities, John Fogarty, Co-Chief Investment Officer—US Growth Equities, e Vinay Thapar, Co-Chief Investment Officer e Senior Research Analyst—US Growth Equities; Portfolio Manager—Global Healthcare, di AllianceBernstein.

ANCHE I TITOLI CICLICI ANDRANNO SOTTO PRESSIONE


I tre esperti sottolineano che le correzioni sono sempre dolorose, ma quest’anno gli investitori in azioni growth hanno subito una vera e propria batosta. Da inizio anno al 27 maggio il Russell 1000 Growth Index ha ceduto il 21,4%, sottoperformando l’S&P 500, che è arretrato del 12,2%. La performance negativa è stata determinata dall’avversione al rischio che ha alimentato significativi deflussi dai fondi investiti in azioni growth. L’aumento dei tassi, inoltre, tende a penalizzare in misura sproporzionata i titoli a più alta crescita, soprattutto se sopravvalutati, perché spinge al rialzo i tassi di sconto usati per calcolare il valore attuale dei cash flow a lungo termine. Ma, nel tempo, secondo gli esperti di AllianceBernstein l’indebolimento dell’economia eserciterà inevitabilmente una maggiore pressione al ribasso sugli utili delle società cicliche rispetto a quelle orientate alla crescita.

RESTANO MOLTE FONTI DI INCERTEZZA


La stretta messa in campo dalla Fed per combattere l’inflazione dilagante avrà il probabile effetto di rallentare la crescita e rafforzare il dollaro, con ricadute negative sui profitti realizzati all’estero dalle multinazionali, mentre la guerra in Ucraina e i lockdown in Cina minacciano di compromettere la crescita mondiale. Inflazione, aumenti dei tassi e interruzioni delle catene di fornitura mettono a rischio le prospettive di una ripresa.

REDDITIVITÀ METRO SEMPRE VALIDO


Le condizioni di mercato e di business sono mutate radicalmente. Ma gli esperti di AllianceBernstein ritengono che alcuni principi duraturi aiuteranno gli investitori a superare con successo l’attuale volatilità, e sottoolineano che un approccio strategico all’investimento in azioni growth dovrebbe essere incentrato sulla redditività. Con l’aumento dei prezzi e la decelerazione della crescita sarà più difficile trovare imprese redditizie. Ma gli Stati Uniti si confermano il mercato più interessante al mondo per individuare società growth con una buona redditività. Sui mercati azionari USA si trovano circa due terzi delle large cap con caratteristiche di crescita redditizia presenti nel mondo.

NON FERMARSI ALLA SOTTOPERFORMANCE A BREVE TERMINE


Sia nelle congiunture favorevoli che in quelle sfavorevoli, secondo gli esperti di AllianceBernstein la redditività offre un quadro delle prospettive future più chiaro di quello dato dagli utili: indicatori come la redditività del capitale investito (ROIC) e la redditività delle attività (ROA) possono fornire una misura più attendibile della performance economica di un’azienda e della sua capacità di produrre risultati nel tempo. Nel corso della recente correzione, le imprese con ROA e ROIC elevati hanno segnato il passo, ma una sottoperformance a breve termine non pregiudica la validità delle metriche di redditività come misura del potenziale di rendimento a lungo termine.

QUALI INDICATORI GUARDARE


Con il deterioramento delle condizioni macroeconomiche, gli esperti di AllianceBernstein credono che la redditività tornerà in auge. ROA e ROIC aiutano a individuare le società con driver di crescita sostenibili in grado di resistere alle pressioni esterne. E bilanci di alta qualità costituiscono un punto di forza. Costruire un portafoglio con queste imprese richiede un approccio selettivo. AllianceBernstein fa i casi opposti di Lincoln Electric Holdings, che ha alzato i prezzi del 19% migliorando i margini lordi di 200 punti base, e di Stanley Black & Decker, che ha aumentato i prezzi del 5% ma i margini lordi sono diminuiti di 800 punti base, per giungere alla raccomandazione di astenersi dal fare generalizzazioni sulla capacità di imprese e settori di affrontare le sfide.

LIQUIDITÀ DA REINVESTIRE


Le imprese che riescono a restare redditizie godono anche del vantaggio di disporre di liquidità in eccesso da reinvestire, ingrediente essenziale per la crescita futura, mentre quando la redditività finisce sotto pressione occorre stare attenti alle imprese che riducono i reinvestimenti. Durante la pandemia, AllianceBernstein ha cercato di verificare che le imprese in forte espansione investissero a sufficienza e anche nelle fasi di stress come quella attuale questo principio fondamentale non ha perso rilevanza. Quindi la qualità indica la direzione da seguire.

POSIZIONARSI PER RESISTERE E POI BRILLARE


La correzione di quest’anno riflette preoccupazioni concrete per il futuro. Le brusche flessioni dei titoli growth destabilizzano gli investitori. Le spinte macro contrastanti impediscono di formulare previsioni con convinzione. Ma proprio quando le prospettive sono incerte, gli investitori attivi possono fare la differenza. Le basse valutazioni di oggi creano i presupposti per un vigoroso recupero e per il reinvestimento in azioni indebitamente penalizzate nella fase di ribasso. Le aziende in grado di fornire regolarmente risultati redditizi possono costituire il fondamento di un portafoglio growth posizionato per resistere a una fase di crescita sottotono e brillare quando si profila la ripresa.
Trending