Investire in obbligazioni

Un possibile mix obbligazionario? Selezione ESG dei titoli di stato e high yield

È crollato lo stock di debito a tassi negativi mentre è in arrivo il quantitavie tightening. L’high yield mostra il potenziale migliore rischio / rendimento mentre l’analisi ESG consente di selezionare i governativi

di Leo Campagna 12 Aprile 2022 16:27
financialounge -  AllianceBernstein BlueBay Asset Management Edmond de Rothschild Asset Management J.P. Morgan Asset Management LGIM obbligazioni Pictet Asset Management t.rowe price
financialounge -  AllianceBernstein BlueBay Asset Management Edmond de Rothschild Asset Management J.P. Morgan Asset Management LGIM obbligazioni Pictet Asset Management t.rowe price

CROLLATO LO STOCK DI DEBITO A TASSI NEGATIVI


Nell’articolo Le banche centrali non temono la recessione ma l’incertezza agita i mercati il team di J.P. Morgan Asset Management rileva che gli ultimi sviluppi hanno fatto sparire quasi completamente lo stock globale di debito a rendimento negativo, portandolo da 10.700 miliardi di dollari a inizio anno a soli 2.900 miliardi al 22 marzo, il valore più basso da metà 2015. I mercati statunitensi hanno fortemente risentito dell'ondata di vendite, con i Treasury che hanno subito le peggiori perdite della storia, spingendo il rendimento decennale ai massimi da maggio 2019. I rendimenti salgono, ma gli investitori focalizzeranno probabilmente l'attenzione sull'andamento della curva dei rendimenti.

QUANTITATIVE TIGHTENING IN ARRIVO


La Fed sembra disposta ad andare anche oltre il ‘tasso neutrale’ per contrastare l’inflazione, ma la sostenibilità di questa linea sembra discutibile per Benjamin Melman, Global Chief Investment Officer di Edmond de Rothschild Asset Management. Le condizioni del mercato del lavoro americano restano molto tese e potrebbero ostacolare una stabilizzazione dell’inflazione, aprendo la possibilità di una politica monetaria più aggressiva di quanto dato per scontato dagli investitori. Inoltre, alcuni segmenti della curva dei tassi americani hanno già iniziato a invertirsi, e l’esperto di Edmond de Rothschild, nell’articolo Edmond de Rothschild sovrappesa azioni Cina e sottopesa l’Europa, in difesa sui bond non esclude che la Fed possa essere costretta ad interrompere la ripresa economica per riprendere il controllo delle dinamiche inflazionistiche. La Fed sta anche preparando l’avvio del quantitative tightening, vale a dire il passaggio dall’iniezione al drenaggio di liquidità, anche se tempi e modi non sono ancora definiti, che dovrebbe risultare in un ulteriore stretta monetaria che si aggiunge al rialzo dei tassi.

VERSO UNA MINOR DIPENDENZA DAL DOLLARO


In generale, la direzione verso un mondo meno dipendente dal dollaro è chiara, ma non potrà essere un cambiamento rapido, sottolinea nell’articolo LGIM: la guerra e le sanzioni per ora non minacciano l’egemonia del dollaro Willem Klijnstra, Currency Strategist di Legal & General Investment Management. Mancano le alternative, e con le relazioni geopolitiche in movimento, cambia anche la percezione di quale possa essere un porto sicuro alternativo. Per lo yuan cinese, la possibilità di diventare un’importante valuta di riserva richiederebbe che la superpotenza esibisse un costante deficit delle partite correnti, il che è in netto contrasto con la politica di Pechino di affidarsi alle esportazioni.

SELEZIONE ESG DEI TITOLI DI STATO


Ella Hoxha, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management, nell’articolo Investire in titoli di Stato con approccio centrato sul clima, Pictet spiega come spiega che l’approccio di Pictet AM nella selezione dei titoli di Stato allineati con i criteri ESG consiste nel concentrarsi sulla causa principale del riscaldamento globale, le emissioni di gas serra, come metano e ossido di azoto ma soprattutto CO2, che rappresenta il 74% del totale. Per questo occorre misurare e confrontare le emissioni nei vari Paesi. I più grandi avranno emissioni maggiori, la Cina emette la quantità maggiore al mondo, ma su base pro capite il quadro è leggermente diverso, con la Mongolia in testa e la Cina dietro Stati Uniti, Russia o Australia. Un modo più efficace è confrontare le emissioni alle dimensioni dell'economia.

HIGH YIELD POTENZIALE MIGLIORE RISCHIO/RENDIMENTO


In queste nuove condizioni, sottolineano nell’articolo AllianceBernstein: perché le obbligazioni high yield sono diventate più interessanti gli esperti di AllianceBernstein, il mercato del credito High Yield offre un potenziale di rischio rispetto al rendimento decisamente migliore, a condizione di essere selettivi. Le valutazioni rimangono leggermente elevate rispetto alla media storica, ma gli emittenti di obbligazioni High Yield evidenziano anche fondamentali solidi. Molte imprese hanno approfittato dei tassi contenuti nel 2021 per rifinanziare il proprio debito e rafforzare i bilanci.

FIDUCIA NELLE BANCHE COME INVESTIMENTO


I fattori ESG sono sempre stati presenti nella regolamentazione bancaria, ma mai finora così influenti. L'evoluzione del mercato e delle normative stanno contribuendo a generare significative opportunità di investimento. I fattori ESG che non sono più considerati un mero extra aggiuntivo ma centrali nelle strategie di investimento. Come investitore obbligazionario attivo nel settore, BlueBay Asset Management vede nei fattori ESG opportunità d’investimento e il potenziale per la generazione di alpha. Dati i cambiamenti osservati sia internamente da parte del management sia esternamente da parte del regolatore, fino al 2021, gli esperti di BluleBay AM nell’articolo BlueBay: dalla spinta ESG nuove opportunità nel settore bancario si dichiarano fiduciosi che le banche continueranno a pagare dividendi e a creare opportunità di investimento.

GENERARE UNA SOVRAPERFORMANCE COSTANTE RISPETTO AL BENCHMARK


“Il nostro approccio mira a costruire un portafoglio robusto in diversi scenari di correlazione e fattori di rischio che mira a generare una sovraperformance costante rispetto al benchmark, ponendo l'enfasi sulla generazione di alpha e su una gestione del rischio efficace. Il team applica un'analisi bottom-up dei fattori fondamentali, tecnici e valutativi del mercato per individuare le opportunità. Queste ultime vengono poi sottoposte a un esame del profilo di rischio/rendimento al fine di ridurre il numero di candidati all'investimento. Inoltre, utilizziamo una lista di esclusione proprietaria basata sugli aspetti ESG” spiegano nell’articolo Il fondo globale di T.Rowe Price per navigare i difficili mari del reddito fisso gli esperti di T.Rowe Price, relativamente al Responsible Global Aggregate Bond Fund.
Trending