La giornata sui mercati

Oggi l’Ecofin si prepara a nuove sanzioni dopo le accuse di crimini di guerra alla Russia

Avvio all’insegna delle prudenza per le Borse europee con gli investitori che guardano alle decisioni per le nuove sanzioni contro Mosca. A Piazza Affari focus su Generali e Tim. In rialzo il prezzo del petrolio

di Fabrizio Arnhold 5 Aprile 2022 09:16
financialounge -  borse Ecofin mercati petrolio Russia sanzioni
financialounge -  borse Ecofin mercati petrolio Russia sanzioni

 

Le Borse europee aprono all’insegna della cautela, con gli investitori che attendono nuove indicazioni sul fronte sanzioni alla Russia. A Milano il Ftse Mib apre a -0,09%, il Dax di Francoforte a -0,18%, il Cac 40 di Parigi a -0,04%, l’Ibex 35 di Madrid a +0,05% e il Ftse 100 di Londra a -0,06%. Seduta in lieve rialzo per la Borsa di Tokyo, supportata dai titoli tech e spinta dal buon andamento del Nasdaq: l’indice Nikkei chiude in lieve rialzo (+0,19%).

ATTESA PER NUOVE SANZIONI


Oggi è atteso l’annuncio delle nuove sanzioni contro Mosca, dopo le accuse di aver commesso crimini di guerra a Bucha, con le immagini della strage di civili per le strade che hanno fatto il giro del mondo. Le nuove sanzioni dovrebbero riguardare il greggio e carbone, spingendo al rialzo le quotazioni del Brent (+1,6%) a 109,25 dollari, mentre il Wti è in progresso dell’1,64% a 104,97 dollari.

OGGI RIUNIONE ECOFIN


Alle 10 è in programma la riunione dell’Ecofin, proprio per discutere di nuove sanzioni da imporre alla Russia. Saranno anche rilasciati gli indici Pmi dei servizi a marzo 2022 per Europa e Italia, oltre che per Francia, Germania e Gran Bretagna, nonché la produzione industriale francese di febbraio 2022. Negli Stati Uniti, nel pomeriggio, saranno diffuse le cifre della bilancia commerciale per febbraio 2022.

A PIAZZA AFFARI FOCUS SU GENERALI


Sul listino milanese l’attenzione degli investitori è per Generali (+0,45%) dopo i rialzi dei giorni scorsi, in vista della riunione per rinnovare il cda. Sotto i riflettori anche Tim (-2,7%), dopo la frenata sull’offerta di Kkr. Sul fronte valutario, il dollaro riprende quota contro le altre valute a 1,096. Lo spread apre in rialzo a 161 punti base.
Trending