Avvio di settimana in verde per le Borse

La giornata sui mercati
di Antonio Cardarelli 10 Maggio 2021 - 9:20

Partenza positiva per i listini europei, che raccolgono il testimone di Wall Street. I dati deludenti dal mercato del lavoro Usa rafforzano la necessità di politiche accomodanti da parte della Fed

Le Borse europee raccolgono il testimone lasciato da Wall Street venerdì e aprono la settimana con il segno più. I nuovi massimi toccati dagli indici S&P 500 e Dow Jones in chiusura di settimana indicano la strada per i listini europei: Piazza Affari apre con un rialzo dello 0,4% insieme a Madrid e Londra, mentre Francoforte e Parigi partono in maniera meno convinta, ma comunque sopra la parità nei primi scambi.

SPREAD IN CALO

Dopo la conferma del rating Baa3 per il debito italiano da parte di Moody’s, lo spread tra Btp e Bund apre in leggero calo a 117 punti base. Questa settimana, nell’area euro, occhi puntati sull’indice Zew di maggio, che dovrebbe indicare segnali di ripresa per l’economia tedesca, e sui dati della produzione industriale in Italia e nell’Eurozona.

DATI DEL MERCATO DEL LAVORO USA

A livello globale prevale l’ottimismo nonostante il dato sui posti di lavoro creati negli Usa sotto le attese. Gli analisti si aspettavano un milione di nuovi occupati, ma il dato si è fermato a 266mila unità. Tuttavia, gli operatori hanno interpretato questo dato debole come un segnale per la Federal Reserve per continuare a mantenere ancora a lungo – forse per un altro anno – le politiche monetarie accomodanti in corso, a partire dai tassi d’interesse bassi.

BENE IL GIAPPONE

In Asia la Borsa di Tokyo accelera sul finale di seduta e chiude a 29.518, con un rialzo del Nikkei dello 0,55%. Nonostante i dubbi sulla crescita dei contagi nel paese e le incertezze legate all’Olimpiade, la Borsa giapponese si fa trascinare dall’ottimismo globale. A Hong Kong e Shanghai, invece, sedute contrastate con la prima che viaggia sotto la parità e la seconda che guadagna lo 0,2% quando mancano ancora alcune ore alla chiusura. Ovviamente nel continente asiatico l’attenzione continua a rimanere alta sui contagi in India.

PETROLIO IN CRESCITA

A livello globale occhi puntati sul petrolio, in crescita dopo l’attacco informatico che ha colpito Colonial Pipeline, gestore di uno dei più importanti gasdotti americani. Sia il Wti che il Brent guadagnano oltre un punto percentuale e si portano rispettivamente a 65,5 dollari al barile e 69 dollari al barile. In leggera crescita anche la quotazione dell’oro, a 1.835 dollari l’oncia.

Financialounge - Telegram