Partenza tonica per le Borse europee sulla scia dei nuovi record di Wall Street

La giornata sui mercati
di Antonio Cardarelli 6 Aprile 2021 - 9:16

I nuovi massimi degli indici americani, favoriti dai dati positivi sull’occupazione e sui servizi, trascinano anche l’Europa. Spread in leggero rialzo a quota 97 punti base

Avvio positivo per i listini europei dopo la chiusura per le festività di Pasqua. I nuovi record di ieri sulla Borsa di New York spingono verso l’alto Milano (+0,9%), Francoforte (+1,2%), Londra (+1,3%), Parigi (+0,7%) e Madrid (+0,9%). Avvio leggermente in rialzo per lo spread Btp/Bund, che sale del 2% a 97 punti base.

WALL STREET TOCCA NUOVI RECORD

Nella seduta di ieri Wall Street ha toccato nuovi record, trascinata dal piano infrastrutturale di Joe Biden da 2.300 miliardi di dollari e dal dato positivo sull’occupazione pubblicato venerdì scorso. L’indice S&P 500 si è confermato solidamente sopra i quattromila punti, chiudendo la seduta a 4.077, 91 (+1,4%). In netto rialzo anche il Dow Jones (+1,1%) e l’indice tecnologico Nasdaq (+1,7%). Tra i titoli azionari si sono distinti Tesla (+4%) oltre alle compagnie aeree e crocieristiche, favorite dalle attese di una ripresa che appare ormai imminente negli Usa, dove venerdì sono state somministrate 4 milioni di dosi di vaccino in un solo giorno (in Italia il totale finora è di 11 milioni).

DATO POSITIVO SULL’OCCUPAZIONE

Tra i fattori a sostegno del mercato azionario Usa, spicca anche il dato sul settore servizi. Per quanto riguarda l’occupazione, l’ultimo rapporto ha evidenziato 916mila posti di lavoro creati a marzo, contro attese di 675mila, con la disoccupazione in calo dal 6,2% al 6%. Sempre sul fronte occupazione, oggi è atteso il dato relativo all’Europa oltre alle nuove stime del Fondo monetario internazionale sull’economia globale. Occhi sempre puntati, ovviamente, anche sul rendimento del Treasury Usa a 10 anni, che continua a scendere leggermente e ora si trova in area 1,7%.

ASIA E MATERIE PRIME

Sulle Borse asiatiche seduta mista, con Tokyo che perde l’1,3% a causa dei dati negativi sui consumi, i listini della Cina continentale in leggera flessione quando manca poco alla chiusura e l’indice sudcoreano Kospi in lieve rialzo.
Per quanto riguarda le materie prime, il petrolio prova a risalire dopo l’annuncio dell’allentamento dei tagli da parte dei paesi Opec+. Il Wti sale dell’1,2% ma rimane comunque sotto i 60 dollari al barile (59,3) mentre il Brent guadagna l’1% ed è a quota 62,7 dollari al barile. Oro in leggero rialzo (+0,1%) a 1.730 dollari l’oncia.

Financialounge - Telegram