È online il calcolatore che dice quando sarà il tuo turno per il vaccino Covid

Verso la normalità
di Matia Venini 1 Marzo 2021 - 15:23

Sviluppato dalla startup Omni-calculator, lo strumento permette di avere un’idea sulle date di somministrazione del siero

Da quando è iniziata la campagna di vaccinazione di massa in Italia, lo scorso dicembre, in molti si stanno facendo la stessa domanda: quando sarà il mio turno? I ritardi dovuti alle mancate consegne delle dosi e al basso ritmo delle somministrazioni hanno rafforzato il clima di incertezza intorno alla fine della pandemia e al ritorno a una vita normale. Ora però c’è uno strumento che permette di sapere, indicativamente, quando ci si dovrà presentare per ricevere le proprie dosi del siero. La startup polacca Omni-calculator infatti ha messo a punto un software che stima, secondo i ritmi ufficiali finora mantenuti, quando sarà il turno di ciascuna persona per la vaccinazione.

COME FUNZIONA

Il programma messo a punto da Omni-calculator si basa su dati che possono variare rapidamente e che non hanno pretese di assoluta scientificità, ma può dare un’idea indicativa sugli orizzonti temporali. Per calcolare le proprie date di vaccinazione, basta accedere al sito dedicato e rispondere a poche facili domande sulle proprie generalità e condizioni di salute: quanti anni hai? Sei un operatore sanitario o fai parte delle forze dell’ordine? Sei un soggetto a rischio clinico o affetto da una particolare patologia?

LA SITUAZIONE IN ITALIA

Per i più giovani i risultati offerti dal test potrebbero non essere molto incoraggianti. Alla velocità attuale, per esempio, un venticinquenne in salute potrebbe ricevere la prima dose del vaccino contro il Covid-19 dal 1 marzo 2023. In molte regioni italiane sono appena iniziate le somministrazioni agli over 80, mentre si aspetta entro la metà di marzo l’autorizzazione dell’Ema per il siero dell’azienda statunitense Johnson & Johnson, che dovrebbe essere efficace anche con una sola dose. Al 28 febbraio il totale delle persone vaccinate in Italia sono poco più di un milione e 400mila.

Financialounge - Telegram