Caso GameStop, parla il fondatore della chat da cui è partito tutto: “Mi diverto da bordo campo”

La sfida a Wall Street
di Fabrizio Arnhold 29 Gennaio 2021 - 10:53

Jaime Rogozinski, che nel 2012 ha fondato il forum WallStreetBets su Reddit, in un’intervista spiega perché il rally senza precedenti del titolo è davvero sorprendente

“Non invidio nessuno di loro, mi sto divertendo da bordo campo”, commenta così la sbalorditiva ascesa di GameStop, Jaime Rogozinski, fondatore di WallStreetBets, un subreddit, ossia un forum su Reddit da cui è partita tutta la vicenda dello short squeeze dei piccoli investitori retail contro gli hedge fund.

DEMOCRATIZZARE GLI INVESTIMENTI

In una intervista alla CNN, Rogozinski ha parlato di come tutto il processo di investimento sia ormai “completamente riprodotto sui cellulari delle persone”. Si tratta di una sorta di “democratizzazione” degli investimenti, offerta da piattaforme come Robinhood, che consente di comprare azioni con opzioni “a leva”, semplicemente stando seduti sulla poltrona di casa. E aprendo così la possibilità di fare trading anche a quella massa di investitori che sono tradizionalmente lontani dalle banche tradizionali. Solitamente utenti più giovani, millennial per lo più.

PROFILO DA 4,5 MILIONI DI FOLLOWER

WallStreetBets ha ora 4,5 milioni di follower. Rogozinski ha fondato il gruppo Reddit nel 2012, ma è stato poi rimosso dalla piattaforma per aver sfruttato il marchio WallStreetBets. Accusa che il fondatore ha negato in un’altra intervista, sempre alla CNN Business. È stato anche pubblicato il suo libro “WallStreetBets: How Boomers Made the World’s Biggest Casino for Millennials”, che parla sempre dell’argomento.

LA CORSA DEI RECORD

Il rally senza precedenti del titolo di GameStop che sta spiazzando il mondo della finanza, ha sorpreso anche Rogozinski: “Non riesco a credere di non aver mai immaginato che ciò potesse accadere”, ha detto nell’intervista. “Ci sono molte forze in gioco che non sono mai stati testate”. La svolta, a suo avviso, è giunta mercoledì nel momento in cui anche la Casa Bianca ha confermato di monitorare la situazione.

LE LIMITAZIONI DI ROBINHOOD

L’app di trading maggiormente utilizzata per concludere acquisti sul titolo di GameStop da parte dei social piccoli investitori retail, che comprano senza commissioni, e hanno mandato in crisi i grandi fondi speculativi, ha imposto dei limiti nelle transazioni su GameStop, AMC, BlackBerry e Nokia, e altri titoli interessati dallo short squeeze. “Monitoriamo continuamente i mercati e apportiamo modifiche ove necessario”, ha fatto sapere la piattaforma in un comunicato. Pare chiaro che la disputa adesso si sposta anche sul piano normativo. C’è un vuoto da colmare.

Financialounge - Telegram