Borse in positivo su indici Pmi incoraggianti intanto l’oro supera il record di 2000 dollari

La giornata sui mercati
di Antonio Cardarelli 5 Agosto 2020 - 9:18

La corsa dell’oro prosegue, intanto il Nasdaq tocca nuovi massimi sull’ottimismo per i nuovi stimoli economici Usa. Milano brilla tra le piazze europee grazie anche agli indici Pmi servizi in area espansione

Partenza con il segno più per i listini europei, con Milano che brilla. L’indice FTSE MIB segna un convincente +1,1% in avvio di seduta, per poi assestarsi poco sotto il punto percentuale. Avanza anche il DAX tedesco con un +0,9%. In verde anche Parigi e Madrid, di poco sotto l’1%. Dati influenzati dalla pubblicazione degli indici Pmi servizi pubblicati oggi in Europa, che segnano tutti una ripresa della fiducia tra i responsabili degli acquisti. In Italia il Pmi passa a 51,6 dal 46,4 di giugno, in Germania a 55,6 da 47,3, in Francia a 57,3 da 50,7.

LA CORSA DELL’ORO

L’attenzione degli investitori continua ad essere puntata sull’oro. Il bene rifugio per eccellenza ha segnato un nuovo record (qui i quattro motivi che sostengono la sua corsa) arrivando a 2.030 dollari l’oncia. Intanto dalle Borse asiatiche arrivano chiusure contrastate, con il Nikkei 225 di Tokyo (reduce da due giorni molto positivi) che perde lo 0,26% mentre Hong Kong guadagna lo 0,3% e Shanghai si mantiene intorno alla parità.

PREOCCUPA L’INCONTRO USA-CINA

A frenare le Borse asiatiche sono le preoccupazioni per il round di incontri tra Usa e Cina in programma il 15 agosto, con le due potenze chiamate a discutere la conformità dell’accordo commerciale di Fase Uno. I cinesi, infatti, non starebbe rispettando il ritmo di acquisti di prodotti agricoli americani, ma sul tavolo finirà sicuramente la controffensiva di Trump contro la tecnologia cinese, con il caso TikTok in primo piano. Preoccupa, inoltre, il Pmi servizi in Giappone, in area contrazione per il sesto mese consecutivo a 45,4 seppur in leggero miglioramento rispetto a luglio. L’indice Pmi Caixin sui servizi cinesi di luglio, invece, ha mostrato un valore di 54,1, in calo dal 58,4 del mese precedente, ma comunque in area espansione.

FIDUCIA SUI NUOVI STIMOLI AMERICANI

Sul fronte statunitense, nonostante l’aumento dei contagi di Covid-19 (ieri superate le 700mila vittime a livello globale, 156mila negli Usa) Wall Street aggiorna il record del Nasdaq (ieri 10.941 punti, +0,35%) mentre l’S&P500 si riporta a poche centinaia di punti dal record pre-coronavirus. A infondere ottimismo sui mercati Usa sono le trattative tra Democratici e Repubblicani per un nuovo pacchetto di stimoli economici, con il Segretario al Tesoro Steven Mnuchin intenzionato a raggiungere un accordo entro la fine della settimana.

TRIMESTRALI, DISNEY IN ROSSO. VIRGIN ATLANTIC VERSO IL FALLIMENTO

Prosegue la pubblicazione delle trimestrali. In attesa dei conti dell’azienda farmaceutica Moderna, in prima linea sul vaccino anti-Covid, fa notizia il rosso segnato da Disney nel secondo trimestre, con una perdita netta di 4,72 miliardi di dollari. A pesare, oltre all’impatto della pandemia, anche i costi per l’acquisizione di 21st Century Fox. Sempre negli Usa arriva la notizia della richiesta di fallimento avanzata dalla compagnia aerea Virgin Atlantic.

L’EURO GUADAGNA SUL DOLLARO

L’euro si conferma in lieve rafforzamento sul dollaro ed è sopra quota 1,18. Poco mossi i prezzi del petrolio dopo una fiammata – subito rientrata – seguita alla drammatica esplosione di Beirut.

Financialounge - Telegram

Read more: