Cina: la strada per la ripresa post Covid-19 sarà irregolare e accidentata

Amundi
di Chiara Merico 11 Maggio 2020 - 19:00

Secondo Monica Defend di Amundi l’economia del Dragone sperimenterà una leggera ripresa nel 2020, crescendo comunque meno del 5%

Mentre gran parte del mondo è ancora in lockdown, le attività economiche della Cina stanno lentamente ritornando alla normalità, anticipando come sarà la ripresa nel mondo post-Covid 19. E secondo Monica Defend, global head of research di Amundi, “la strada verso questa ripresa sarà irregolare e accidentata”. Vista la scarsa domanda globale, le autorità cinesi hanno varato misure di allentamento più decise.

CALO DEL PIL PER RISTORAZIONE E ALBERGHI

L’epidemia non ha colpito tutte le attività economiche allo stesso modo: le più penalizzate sono state ovviamente le attività basate in larga misura sull’interazione fisica. I servizi di ristorazione e l’industria alberghiera hanno registrato il peggior calo di Pil nel Q1 (-35,3% annuo), seguiti dal commercio interno (-17,8%), dal settore edile (-17,5%) e dai trasporti (-14%). Tra le notizie positive, la buona performance dei servizi delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Tic) e dei servizi finanziari, dove la crescita del Pil è rimasta positiva e ha registrato solo un leggero rallentamento. Il danno economico è fortemente correlato alla gravità dei controlli sull’attività.

PRODUZIONE INDUSTRIALE IN RIPRESA A MARZO

Nella provincia di Hubei, dove l’epidemia è stata più grave e dove quasi tutte le attività all’esterno hanno subito restrizioni dalla fine di gennaio, c’è stato un crollo del Pil del 39,2% nel Q1 rispetto a un calo del 6,8% su base nazionale. Ma secondo Defend “la produzione potrebbe riprendersi ben presto, a differenza della domanda. Dopo la fine delle restrizioni, la produzione industriale ha registrato una forte ripresa a marzo, evidenziando un ritorno alla normalità rispetto alla sospensione di febbraio. I dati di aprile, tra cui quelli sull’indice della qualità dell’aria e il tasso di utilizzo dei dosatori di calcestruzzo, indicano una ripartenza anche del settore edile”.

MIGLIORAMENTI IN VISTA PER LE AUTO

La ripresa della domanda dei consumi varia a seconda dei segmenti. Mentre i beni di prima necessità hanno sovraperformato durante l’intero periodo dell’epidemia, i beni voluttuari hanno limitato solo in parte le contrazioni a marzo. “Sono però in vista ulteriori miglioramenti: la crescita delle vendite di auto è passata dal -40% di marzo al -7% delle prime tre settimane di aprile”.

LUOGHI DI SVAGO ANCORA CHIUSI

Fanalino di coda resta il settore dei servizi. Ad aprile, osserva Defend, “i flussi nazionali dei passeggeri sono ancora di gran lunga inferiori ai livelli normali, mentre i servizi di ristorazione e il settore dell’ospitalità si stanno riprendendo lentamente”. Sulla ripresa dei servizi potrebbe pesare ulteriormente “la continua prevenzione dell’epidemia: mentre il governo rimane vigile riguardo ai rischi di una seconda ondata, gran parte dei luoghi di svago sono al momento ancora chiusi”.

AUMENTO DEL DEFICIT IN VISTA

L’esperta di Amundi prevede che “un rafforzamento delle politiche di sostegno darà impulso alla domanda interna. Le persistenti pressioni sul mercato del lavoro e i crescenti rischi esterni hanno indotto i leader del Paese a rafforzare le politiche di sostegno miranti a stimolare l’economia interna”. La spesa per le infrastrutture rimane il principale stabilizzatore della crescita. “Ci aspettiamo un aumento significativo del deficit fiscale nell’ordine di 4 punti percentuali del Pil rispetto al 2019, dopo aver incluso titoli di Stato speciali sia a livello nazionale che di governo locale”, osserva Defend, secondo cui il rilancio del mercato immobiliare non è tra le opzioni di scelta.

Emergenti, lo schema anti-Covid di Amundi: attacco con i bond e difesa con le azioni

Emergenti, lo schema anti-Covid di Amundi: attacco con i bond e difesa con le azioni – News – Financialounge.com

NUOVI ALLENTAMENTI IN VISTA

Sul fronte delle politiche monetarie, “l’allentamento continuerà e la banca centrale cinese (PBoC) probabilmente ridurrà il coefficiente di riserva obbligatoria (RRR) e i tassi di interesse a breve termine. È allo studio un taglio al tasso di deposito, ma forse le autorità preferiranno attendere finché non ci sarà un ulteriore calo dell’inflazione da generi alimentari”. La crescita del credito dovrebbe consolidarsi nel corso dell’anno; una parte considerevole dei finanziamenti si indirizzerà probabilmente verso il settore delle infrastrutture.

LEGGERA RIPRESA IN VISTA

In ogni caso, la pandemia farà sentire i suoi effetti: “Gli stimoli già menzionati non possono compensare totalmente il danno economico nel corso dell’anno”, spiega Defend. Il peggioramento della domanda esterna indica crescenti pressioni ribassiste sul settore manifatturiero e sul mercato del lavoro. Le prospettive per i consumi nel settore dei servizi rimangono difficili, gran parte delle perdite probabilmente saranno permanenti. “Ci aspettiamo una leggera ripresa e prevediamo che nel 2020 l’economia cinese crescerà meno del 5%”, conclude Defend.