Airbnb e Booking: disdette senza penali se c’è il rischio coronavirus

Airbnb
di Antonio Cardarelli 7 Febbraio 2020 - 16:56

L’emergenza coronavirus non risparmia gli affitti brevi, Airbnb e Booking aggiornano i termini di cancellazione della prenotazione eliminando le penali per chi proviene o è diretto nelle zone colpite

Il turismo è uno dei settori più colpiti dal coronavirus, e il business degli affitti brevi non fa eccezione. Airbnb e Booking, i due siti che raccolgono la maggior parte delle prenotazioni in questo particolare segmento del settore turistico, hanno pubblicato nuove indicazioni che permettono a proprietari e ospiti di disdire i soggiorni senza incorrere nelle penali solitamente previste dai contratti.

AGGIORNAMENTO DEI TERMINI DI CANCELLAZIONE

A patto, però, che ci sia il rischio (basta anche la remota possibilità) di contribuire a diffondere il virus partito dalla città cinese di Wuhan. Airbnb ha aggiunto una pagina nella sezione “cancellare una prenotazione” dedicata alle informazioni sul coronavirus e “termini delle circostanze attenuanti”.

LA SCELTA DI AIRBNB

“I nostri termini delle circostanze attenuanti coprono gli host e gli ospiti, con prenotazioni idonee, interessati dalla nuova epidemia di coronavirus”, si legge su Airbnb. In termini pratici, sia l’host (il proprietario dell’appartamento) che l’ospite, in caso di timori legati al coronavirus, sono autorizzati a cancellare la prenotazione senza dover pagare penali. Una possibilità che si applica alle prenotazioni effettuate o ricevute entro il primo febbraio 2020 nella provincia cinese di Hubei – dove è partito il focolaio – con data di arrivo primo aprile 2020.

REGOLE PER HOST E OSPITI

Stesso discorso per chi parte dalla provincia di Hubei diretto verso qualsiasi altra destinazione: anche in questo caso c’è la possibilità di cancellare la prenotazione senza sanzioni, ovviamente nel caso in cui fossero inizialmente previste. Airbnb, infatti, lascia agli host la possibilità di stabilire in anticipo tempistiche e percentuali per le disdette. Le altre casistiche previste da Airbnb riguardano, inoltre, anche gli ospiti provenienti da altre aree giudicate a rischio dall’Organizzazione mondiale della sanità e coloro – sia host che ospiti – che hanno contratto il coronavirus.

“Coronavirus: colpiti viaggi e hi tech, ma nessuna recessione in vista”

“Coronavirus: colpiti viaggi e hi tech, ma nessuna recessione in vista”

CANCELLAZIONE GRATUITA ANCHE SU BOOKING

Sulla stessa linea di Airbnb anche Booking, il portale che permette di prenotare non solo hotel, ma anche stanze e appartamenti privati. Come spiegato sul portale, la possibilità di disdire senza penali si applica a tutte le strutture della Cina continentale e a tutti coloro che hanno prenotato stanze nella stessa area per soggiorni con check in fino all’8 febbraio.