UniCredit, gli arabi del fondo Mubadala dimezzano la quota

azioni
di Redazione 9 Gennaio 2020 - 9:45

Il fondo sovrano di Abu Dhabi Mubadala riduce dal 4,986 al 2,020% la sua partecipazione in UniCredit, secondo i dati pubblicati dalla Consob. Per Credit Suisse nel 2020 il titolo preferito è proprio quello di Piazza Gae Aulenti

Dal 4,986 del 28 giugno al 2,020% del 20 dicembre: il fondo sovrano di Abu Dhabi Mubadala ha dimezzato la sua partecipazione in UniCredit, secondo le partecipazioni della Consob. Mubadala era azionista, secondo quanto riportato da Reuters, tramite la controllata Aabar. La quota venduta dal fondo si aggira attorno agli 850 milioni di euro, in base al valore di chiusura di ieri. 

NO COMMENT DAI DIRETTI INTERESSATI

UniCredit e il fondo Mubadala non hanno rilasciato dichiarazioni. Il fondo arabo aveva acquistato la partecipazione nel 2010, nell’ottica di diversificazione degli investimenti. Secondo quanto riportato sul sito della Consob, solo due azionisti sono accreditati di una quota di oltre il 5% di UniCredit: Dodge&Cox (5,009%) e BlackRock (5,084%). 

L’AUMENTO DI CAPITALE NEL 2017

Il fondo Mubadala, nel 2017, per non ridurre la propria partecipazione nell’istituto di Gae Aulenti, ha preso parte all’aumento di capitale lanciato dall’ad Jean Pierre Mustier. La scelta di ridurre la partecipazione da parte degli arabi può essere legata al recente aumento delle azioni di UniCredit, salite del 29,4% negli ultimi tre mesi. 

Unicredit, Goldman Sachs alza le stime sul prezzo

Unicredit, Goldman Sachs alza le stime sul prezzo

IL VALORE DI UNICREDIT

Credit Suisse in una nota ha sottolineato come le azioni di UniCredit scambiano a sconto rispetto al settore, poiché il titolo “non riflette pienamente la redditività, né tiene conto del programma di dividendo e buyback, per cui noi vediamo rischi limitati”. Credit Suisse dipinge un 2020 con luci e ombre per le banche europee, e in questo contesto, spostando l’attenzione all’Italia, il titolo preferito resta proprio quello di UniCredit.