Twitter, va a ruba il bond da 700 milioni di dollari

obbligazioni
di Redazione 6 Dicembre 2019 - 10:58

Il bond di Twitter ha stabilito un doppio record per un emittente ad alto rendimento all’esordio: quello dell’importo pari a 700 milioni di dollari e quello del rendimento pari al 3,875%

Twitter lancia la sua prima obbligazione sul mercato e raccoglie 700 milioni di dollari, 100 in più dei 600 milioni inizialmente previsti. L’emissione condotta da J.P. Morgan in collaborazione con Goldman Sachs, Morgan Stanley, Bank of America Merrill Lynch e Wells Fargo, ha attirato un mix di investitori, non soltanto gestori statunitensi del segmento high yield, ma anche fondi europei e asiatici.

BOND SCADENZA 2027 CHE PAGA UN RENDIMENTO DEL 3,875%

Il bond con scadenza 2027 ha stabilito un doppio record per un emittente ad alto rendimento all’esordio: quello dell’importo e quello del rendimento. In base ai dati FactSet in precedenza Restaurant Brands International, la holding di Burger King, aveva emesso obbligazioni non investment grade sempre al tasso del 3,875% a settembre, ma vantava un track record molto più lungo nei mercati del debito, con circa 12,6 miliardi di dollari in circolazione.

FINORA TWITTER SOLO COLLOCAMENTI PRIVATI

“Finora Twitter aveva emesso soltanto bond convertibili in collocamenti privati, peraltro spuntando buoni tassi e alti prezzi di conversione (rispetto ai 30 dollari di quotazione attuale del titolo in Borsa)”, ha specificato Jordan Chalfin , analista senior di CreditSights.

HIGH YIELD, SPAZZATURA, SPECULATIVI

Le società con un rating S&P come Twitter (BB+) sono classificate con crediti non investment grade – ovvero ‘high yield’, ‘spazzatura’ o ‘speculativi’ – a causa della loro maggiore probabilità di insolvenza. Tuttavia, dopo un decennio di tassi ultra bassi, soltanto le società più instabili o quelle che operano in settori con tassi di crescita anemici scontano rendimenti del 10% e superiori.

NETFLIX PAGA IL 4,098% E WEWORK IL 14%

Le obbligazioni high yield di Netflix scambiano ad un tasso di rendimento medio del 4,098% mentre quelle di WeWork pagano adesso il 14%, circa il doppio del 7,8% all’emissione nell’aprile 2018. Come ha avuto modo di affermare Ken Monaghan, Managing Director di Amundi Pioneer, esiste attualmente una biforcazione nel mercato dell’alto rendimento tra i titoli che fanno sentire relativamente sicuri gli investitori e che riescono a spuntare tassi bassi, e quelli che invece non offrono altrettanta sicurezza, che invece devono riconoscere tassi molto più generosi.

IL CEO DORSEY ANDRÀ SEI MESI IN AFRICA

Twitter, che non ha commentato finora l’esito dell’emissione, incassa il successo del collocamento mentre il CEO Jack Dorsey ha annunciato l’intenzione di trasferirsi in Africa per sei mesi per valutare le potenzialità di sviluppo per le criptovalute e i pagamenti digitali.

Read more: