Brexit

Accordo Brexit a rischio: l'incognita è il Parlamento inglese

Secondo Vontobel l’accordo sulla Brexit, in attesa della ratifica del Parlamento inglese, è un film già visto. Schroders guarda ai possibili effetti di un voto positivo

di Antonio Cardarelli 17 Ottobre 2019 15:31
financialounge -  Brexit Schroders Vontobel Am
financialounge -  Brexit Schroders Vontobel Am

Ottenuto il via libera da Bruxelles, il nuovo accordo sulla Brexit passerà al vaglio del Parlamento britannico. Secondo molti osservatori, visto l’atteggiamento al momento contrario di laburisti, nazionalisti scozzesi, partito nordirlandese Dup e Lib Dem, le possibilità che questa nuova intesa venga ratificata sono del 50%.

REAZIONE DEI MERCATI


I mercati hanno reagito immediatamente alla fumata bianca sulla Brexit frutto dell’accordo tra Unione europea e Boris Johnson, primo ministro britannico: l'FTSE 100 di Londra ha messo a segno un rialzo intorno allo 0,80%, seguito dagli altri indici europei. Anche sterlina ed euro si sono mosse repentinamente al rialzo. Ma secondo Ludovic Colin, Head of Flexible Bonds di Vontobel Asset Management, questa reazione positiva “sarà di breve durata”.

FILM GIÀ VISTO CON THERESA MAY


“Ci siamo già passati – commenta Colin - quando Theresa May chiuse un accordo che fu poi respinto più volte nel Parlamento britannico. Già il leader del partito di opposizione, l'onorevole Corbyn, ha detto che l'accordo è peggiore di quello di Theresa May, e il suo partito voterà contro. Il Democratic Unionist Party ha detto che le loro posizioni non sono cambiate. L'ostacolo più facile è stato superato. Senza l'approvazione del Parlamento britannico questo accordo è inutile”.

EFFETTI SULLA STERLINA


“La sterlina si era mossa molto la scorsa settimana – conclude l’esperto di Vontobel commentando gli ultimi sviluppi sulla Brexit - anticipando un nuovo accordo. Ci sarà bisogno del voto del Parlamento per vedere un'ulteriore azione positiva dei prezzi”.

SCHRODERS: VOTO POSITIVO SAREBBE GRANDE PASSO IN AVANTI


Per far sì che il Parlamento approvi l’accordo, il Primo Ministro avrà bisogno del supporto dei Brexiteers più duri (European Research Group), dei 21 Tory “ribelli” espulsi dal partito e di circa 17 Labour, assumendo che il Partito Unionista Democratico voti contro l’accordo. "Ma se l’accordo passerà in Parlamento - spiega Keith Wade, Chief Economist & Strategist, Schroders - questo sabato dovremmo assistere a una crescita più solida dell’economia britannica, al venir meno delle nubi di incertezza su Brexit. È importante ricordare che si tratta di un grande passo avanti verso l’obiettivo di evitare una Brexit senza accordo, che avrebbe spinto il Regno Unito fuori dall’Unione Europea causando potenzialmente una dannosa recessione".

POSSIBILI BENEFICI PER STERLINA E GILT


"C’è ancora un certo grado di incertezza riguardo al futuro delle relazioni tra UK e UE - prosegue Wade - tuttavia sembra sempre più probabile che il pericolo di un’uscita senza accordo verrà evitato. Al venir meno di questo rischio di coda, ci si può aspettare che la sterlina continuerà il rally e che i rendimenti sui Gilt aumenteranno, dato che gli investitori si aspetteranno una situazione economica migliore e una politica monetaria più decisa. Naturalmente, se sabato l’accordo non dovesse passare in Parlamento, torneremmo al punto di partenza. In entrambi i casi è probabile che il Primo Ministro Johnson indica nuove elezioni".
Trending