Semestre da record per Borse e Btp

BCE
di Redazione 2 Luglio 2019 - 11:24

Borse sugli scudi nel primo semestre dell’anno, chiuso con un rialzo del 15% per l’indice Msci World. E i titoli di Stato decennali italiani mettono a segno la stessa performance dei Treasury Usa

Sei mesi da ricordare: per le Borse il primo semestre del 2019 è stato il migliore della storia, e anche per i Btp decennali italiani il primo periodo dell’anno è stato più che positivo, visto che le loro performance sono state esattamente identiche a quelle dei corrispettivi titoli del Tesoro Usa.

RIALZI A DUE CIFRE

Buone notizie quindi per gli investitori azionari, visto che l’indice Msci World ha archiviato il primo semestre con un rialzo del 15%. Ancora meglio ha fatto Wall Street (+17%), ma anche l’indice delle blue chip di Piazza Affari ha messo a segno un rotondo +16%.

EFFETTO BANCHE CENTRALI

A pesare, secondo molti osservatori, è stato il cambio di rotta delle banche centrali, che per alcuni sarebbero pronte anche a lanciare un nuovo quantitative easing. E così il rallentamento dell’economia si è trasformato in una notizia positiva per i mercati finanziari, che accolgono sempre positivamente le mosse di politica monetaria espansiva.

IL RIMBALZO DI GIUGNO

Un segnale evidente di questa tendenza si è verificato a giugno, quando i mercati si sono ripresi dalla correzione (-7% a maggio) proprio sulla scia delle decisioni delle banche centrali. Nel semestre la capitalizzazione globale dei listini è salita oltre 79mila miliardi di dollari, con un aumento di 10mila miliardi.

Mercati, dopo un giugno da ricordare torna di moda il rischio

Mercati, dopo un giugno da ricordare torna di moda il rischio

BTP E TREASURY APPAIATI

La prima parte dell’anno ha portato con sé notizie positive anche per chi investe in titoli di Stato. Anche nei bistrattati Btp italiani: come nota Il Sole 24 Ore, dall’inizio dell’anno i titoli decennali del Tesoro italiano hanno messo a segno la stessa performance dei corrispettivi Treasury statunitensi, con un guadagno medio del 4,9%. Una performance legata soprattutto all’aumento dei prezzi collegato alla caduta dei rendimenti.

I VANTAGGI DELLA POLITICA ACCOMODANTE

Anche in questo caso le principali artefici del risultato sono le banche centrali: la Federal Reserve che si appresta a tagliare nuovamente i tassi e la Bce che ha confermato una politica accomodante per un periodo più lungo. I bond Usa hanno raggiunto questo risultato in modo graduale, mentre i titoli italiani hanno attraversato periodi di alti e bassi, soprattutto a causa delle tensioni politiche.

SPAGNA E PORTOGALLO VOLANO

Tuttavia, se si guarda al resto d’Europa il paragone non è del tutto positivo per i nostri Btp: nell’area euro i titoli decennali hanno reso in media il 5,9% nel semestre. I Bund tedeschi hanno fatto peggio, con una performance del 4,1%, ma quelli di Spagna e Portogallo, due Paesi che in passato hanno avuto gli stessi problemi dell’Italia, hanno reso rispettivamente l’8,7% e l’8,5%.

Attese & Mercati – Settimana dall’1 luglio 2019

Attese & Mercati – Settimana dall’1 luglio 2019

UN’OCCASIONE MANCATA DAI RISPARMIATORI

Peccato che questo semestre da incorniciare abbia visto partecipi i risparmiatori italiani solo in misura limitata. In base ai dati di Assogestioni, infatti, nei primi 5 mesi del 2019 la raccolta dei fondi comuni in Italia è stata negativa per 5,9 miliardi di euro, con forti deflussi soprattutto dai fondi azionari (-5,2 miliardi) e flessibili (-6,2 miliardi), soltanto in parte compensati dalle sottoscrizioni positive verso i fondi obbligazionari (+2,8 miliardi) e bilanciati (+916 milioni). Il fatto poi che sui fondi monetari euro si siano accumulate adesioni nette tra gennaio e maggio per 1,9 miliardi è la conferma di come le ferite ai portafogli accusate nel quarto trimestre del 2018 dai risparmiatori siano ancora aperte