dazi

G20, è già tardi per rimediare ai danni della guerra commerciale?

Un accordo nel G20 tra Trump e Xi potrebbe non bastare a sostenere l’eventuale rally dei mercati. Intanto l’attenzione sulla Fed rimane alta

di Redazione 28 Giugno 2019 09:36
financialounge -  dazi G20 https://twitter.com/g20org
financialounge -  dazi G20 https://twitter.com/g20org

Le rassicurazioni della Federal Reserve sulla possibilità di abbassare presto i tassi di interesse per compensare le "correnti trasversali" nell'economia globale generate dall'errata politica commerciale dell'amministrazione Trump ha sostenuto le quotazioni di azioni, obbligazioni, oro e petrolio. Ma il rally ora potrebbe dipendere dall'esito dei vertici del G20 in programma oggi e domani a Osaka in Giappone, dove si spera che una tregua nella guerra commerciale del presidente Donald Trump con la Cina possa placare i timori del mercato. Ma agli investitori potrebbe mancare la prospettiva del quadro più ampio della partita che si sta giocando e il fatto che il danno della guerra commerciale potrebbe essere già fatto. Scopriamo insieme perché.

LA SPERANZA DI UN ACCORDO USA-CINA


Gli investitori sperano che Trump e il presidente cinese Xi Jinping possano raggiungere a Osaka un accordo simile al cessate il fuoco raggiunto alla riunione dello scorso anno delle principali economie sviluppate in Argentina. In caso contrario, l'avvio di ulteriori tariffe da Washington su altri 300 miliardi di dollari di importazioni dalla Cina entrerebbe in vigore all'inizio di luglio. Al momento, il consenso del mercato prevede una possibile distensione a Osaka senza tuttavia nessun accordo sostanziale: ma un accordo di qualsiasi tipo potrebbe rivelarsi di nessuna importanza.

OPPORTUNITÀ PER VENDERE LE ASSET CLASS RISCHIOSE


In effetti, il danno agli Stati Uniti e alle economie globali potrebbe già essere stato fatto con l'imposizione di tariffe di importazione che stanno distruggendo le catene di approvvigionamento dei produttori, erodendo la fiducia e gli investimenti delle imprese e determinando un aumento dei prezzi per le imprese e i consumatori. "Certo, una pausa nella guerra commerciale è senza dubbio meglio di un’escalation, tuttavia non sarà in grado di incidere sull’economia in modo sufficiente per un’accelerazione della ripresa ", ha scritto in un report questa settimana Michael Zezas, strategist di Morgan Stanley. Lo stesso Zezas ha poi spiegato: “Una pausa sarebbe positiva in quanto significherebbe che entrambe le parti vogliono evitare ulteriori danni economici. E, dal momento che coincide con una Federal Reserve molto più accomodante, potrebbe sostenere un sentiment più incline alle asset class rischiose degli investitori nel breve termine. Tuttavia, lo considereremmo più un’opportunità per vendere le asset di rischio piuttosto che un catalizzatore per assumere posizioni più rialziste".

I VERI NODI CHE RESTANO DA SCIOGLIERE


Inoltre, un accordo Usa-Cina per continuare a negoziare sul commercio non significa che Washington e Pechino abbiano fatto progressi sui punti critici che le dividono: codificare le protezioni della proprietà intellettuale, aprire la Cina a più investimenti esteri, delineare le misure per riequilibrare il deficit commerciale e i tempi della rimozione delle tariffe esistenti.

LE PREVISIONI DI FMI E OCSE


I dazi sulle importazione hanno già avuto un impatto sull'economia globale a giudicare dagli indici di attività del settore manifatturiero e dei servizi. Gli indici dei responsabili degli acquisti di IHS Markit hanno registrato il ritmo di crescita più lento dal 2018, frenati principalmente dalle tensioni commerciali. Sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) che l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Osce) prevedono una più lenta espansione negli Stati Uniti e a livello globale per il 2019.

G20, tra Trump e Xi la partita è anche sulle valute


G20, tra Trump e Xi la partita è anche sulle valute





UTILI AZIENDALI USA IN CALO DEL 2,6%


Anche gli utili societari delle aziende statunitensi nel secondo trimestre, che dovrebbero essere resi noti a partire dalla seconda settimana di luglio, potrebbero riflettere il danno causato dalla guerra commerciale di Trump. In base ai dati di FactSet, si stima che i risultati del secondo trimestre per le società dell'indice S&P 500 registreranno una contrazione del 2,6%: questo segnalerebbe i primi due trimestri di calo dei profitti dal secondo trimestre 2016.

LA SMOOT-HAWLEY TARIFF DEL 1930


"I dazi di Trump rischiano di diventare dannosi quanto uno dei più grandi errori politici del 20° secolo, la Smoot-Hawley Tariff del 1930” ha sottolineato Stephen Roach, economista di Yale ed ex capo economista di Morgan Stanley. Il riferimento è all’esempio più noto del protezionismo americano che risale all'inizio della Grande Depressione e che ha provocato un crollo del 60% nel commercio globale nel giro di soli due anni. "Con il commercio estero che rappresenta attualmente il 28% del PIL, contro l'11% nel 1929, gli Stati Uniti, come paese debitore, sono oggi molto più vulnerabili alle interruzioni legate al commercio di quanto non lo fosse un creditore netto a quei tempi" ha tuonato l’economista.

SE LA FED NON TAGLIA I TASSI


Anche sul versante della Fed non mancano i punti oscuri. Se la banca centrale statunitense fosse riluttante a tagliare i tassi di interesse attesi potrebbe materializzarsi uno scenario di maggior rischio per i guadagni delle asset class rischiose. Gli investitori scommettono su un taglio di almeno 50 punti base (-0,50%) quest'anno e un taglio quasi al quarto di punto percentuale (-0,25%) quando il FOMC, l’organismo della Fed che decide sui tassi Usa - si riunirà il 30-31 luglio . "Si tratta di un pericolo significativo per i mercati azionari: se le banche centrali non riuscissero a convalidare nei prossimi mesi le aspettative di mercato sui tagli dei tassi, le azioni potrebbero essere colpite duramente " ha infine affermato lo strategist di JPMorgan Chase, Nikolaos Panigirtzoglou.
Read more:
Trending