cina

Azionario Cina, verso un ridimensionamento del rischio percepito

La recente distensione dei rapporti tra Pechino e Washington tende ad alleviare le preoccupazioni degli investitori più inclini adesso all’azionario Cina.

19 Luglio 2017 10:01
financialounge -  cina Columbia Threadneedle Investments donald Trump mercati azionari MSCI Soo Nam NG Xi Jinping
financialounge -  cina Columbia Threadneedle Investments donald Trump mercati azionari MSCI Soo Nam NG Xi Jinping

L'incontro tra il presidente americano Trump e quello cinese Xi, tenutosi lo scorso aprile, ha sgomberato molte delle preoccupazioni che offuscavano il mercato azionario cinese. Un evento caduto peraltro in un momento in cui i timori per i livelli di indebitamento sono stati abbondantemente scontati, mentre la crescita sembra essersi stabilizzata su un livello relativamente elevato: inoltre, gli utili aziendali iniziano a segnalare sorprese positive.

“Finchè l'apparente atteggiamento di compromesso assunto da Trump e Xi persiste, è probabile che gli investitori acquistino sempre più fiducia: gli investitori internazionali hanno adesso maggiori opportunità di beneficiare della continua ascesa della Cina” sostiene Soo Nam NG, Responsabile azionario asiatico, Asia di Columbia Threadneedle Investments, secondo il quale è probabile che gli investitori si sentano più inclini ad aumentare le proprie allocazioni in titoli cinesi e ad accrescere l'esposizione ai settori della nuova economia del paese.

Soo Nam NG si sofferma sulla composizione dell’indice MSCI China all’interno del quale i due maggiori costituenti sono attualmente Tencent e Alibaba, che insieme presentano una ponderazione vicina al 28% (fonte: Bloomberg, 29 giugno 2017).

“Di fatto, i titoli della cosiddetta ‘new economy’ costituiscono già quasi il 40% dell'indice. Si tratta di un cambiamento radicale rispetto a cinque anni fa e gli investitori non dovrebbero continuare a giudicare le azioni cinesi utilizzando gli stessi parametri di rischio” sottolinea il manager.

Proprio la maggiore ampiezza e potenzialità dei titoli dell'indice, unitamente a una nuova mentalità della classe politica che preferisce la sostenibilità alla velocità della crescita, dovrebbe sostenere la propensione ad investire nell’azionario cinese e, dunque, a un ridimensionamento del rischio percepito.

“Malgrado le stime di consenso di una crescita degli utili per azione intorno al 12-13% annuo nei prossimi tre anni, l'MSCI China continua a trattare ad un rapporto prezzo / utili (p/e) di 13,5 per il 2017: p/e che scende a scende a 10,5 in base agli utili stimati per il 2019 (fonte: Bloomberg, 29 giugno 2017).

Tali livelli valutativi lasciano un ampio margine di rialzo residuo al rally attualmente in corso, sospinto tanto dalla crescita quanto dal potenziale di rivalutazione” conclude Soo Nam NG.
Trending