OPEC

OPEC, resta comunque la banca centrale del mercato del petrolio

L’organizzazione dei produttori di petrolio (OPEC) continua ad influenzare in modo perentorio le quotazioni del petrolio sia nel breve termine che nel lungo periodo.

17 Agosto 2016 09:25
financialounge -  OPEC
financialounge -  OPEC

Nonostante siano in molti, tra gli osservatori e gli addetti ai lavori, a parlare della ‘morte dell’OPEC’, alcuni analisti reputano troppo sbrigativa questa affermazione: l’influenza della organizzazione petrolifera resta elevata e l’OPEC può ancora essere considerata come il banchiere centrale per i mercati del petrolio.

Infatti, nonostante le lotte interne di potere e la mancanza di un intervento deciso sul mercato, l'OPEC è ancora l’osservata speciale dei mercati. Le notizie che la riguardano hanno il potenziale per spostare i prezzi, e i paesi membri la utilizzano per esprimere e far sapere specifici punti di discussione per modellare il comportamento degli investitori.

Ad esempio, parlare di una nuova possibile quota aggiuntiva di produzione (senza una specifica motivazione) ha spesso l’effetto di spostare verso il basso la traiettoria delle quotazioni del greggio. L'efficacia di tali strategie (e la loro possibile reiterazione) è discutibile ma resta il fatto che è dimostrabile come, soprattutto nel breve termine, i prezzi ne risentano.

I paesi produttori dell'OPEC hanno il potenziale per modificare l'offerta e, di conseguenza, possono alterare le prospettive dei prezzi del petrolio nel lungo periodo. Molti investitori sottostimano questo potere dell’OPEC ma dovrebbero ricordarsi che, non appena i prezzi del greggio aumentano, l'Organizzazione petrolifera può scegliere di alzare la produzione al fine di aumentare la quota di mercato e rallentare l'aumento dei prezzi. Certo, si può dubitare della capacità effettiva di esecuzione delle decisioni (spesso annunciate ma non sempre messe in atto) ma non si può dubitare delle risorse disponibili in molte nazioni dell'OPEC.

In ogni caso, una serie di fattori contrastanti incidono sulle decisioni dell’OPEC:

  1. molti paesi produttori hanno messo a punto articolati piani per aumentare la produzione;

  2. al contempo l'OPEC è preoccupata per la drastica riduzione degli investimenti : il timore è che questa dinamica crei nel lungo periodo un rischio per colmare la domanda di greggio che potrebbe essere mitigata solo in parte da un aumento della produzione nei prossimi anni;

  3. infine, tutti i paesi dell’OPEC devono fare i conti con la necessità di maggiori entrate.

Read more:
Trending