finanza etica

Italiani, popolo di poeti, santi e cittadini «sostenibili»

22 Giugno 2015 15:42
financialounge -  finanza etica sostenibilità
financialounge -  finanza etica sostenibilità
Sono 21 milioni i cittadini italiani che mostrano attenzione alle tematiche ambientali e della sostenibilità economico finanziaria: nove milioni, pari al 18% degli italiani, adotta un atteggiamento positivo verso le pratiche rispettose dell’ambiente e dei diritti sociali, mentre altri 12 milioni di cittadini (25% della popolazione) si definiscono «interessati», con un’attenzione «rilevante» alla sostenibilità.
È quanto emerge da in un'indagine promossa da LifeGate con Eumetra nella quale spicca anche un altro dato di rilievo: un italiano su quattro adotta comportamenti effettivamente virtuosi, a partire dalla disponibilità a comprare beni e servizi a basso impatto ambientale, anche a costo di pagarli di più.

 

I nove milioni di cittadini più sensibili alla sostenibilità è costituto in prevalenza da studenti, impiegati o insegnanti con un’età compresa tra i 18 e i 34 anni, un alto titolo di studio, e, in maggioranza, donne: vivono soprattutto nel Nord Ovest dell’Italia, in un nucleo familiare di 3 o più persone.
L’altro gruppo, quello degli «interessati», è invece composto soprattutto da 35-54enni, lavoratori dipendenti, imprenditori, liberi professionisti, con un elevato titolo di studio e nuclei familiari di 3 o più persone.

 

Andando ad analizzare le risposte alle singole domande, si scopre che circa 3 italiani su 10 hanno già sentito parlare e sanno cosa significano i concetti di sostenibilità ambientale, energetica e di sviluppo sostenibile, mentre la percentuale scende se tali concetti devono essere associati correttamente a casa (17%), mobilità (16%) e turismo sostenibile (14%). Coloro che, al contrario sono «disinteressati» alla sostenibilità, cioè che dichiarano di non aver mai sentito nessuno dei termini e dei concetti relativi a questa tematica, sono 27 milioni pari al 56% degli intervistati e comprendono, soprattutto, pensionati o inoccupati, con un basso titolo di studio, e over 54.
Trending