crescita economica

Diversified Alpha Plus Fund - 15 gennaio 2015

30 Gennaio 2015 09:00
financialounge -  crescita economica petrolio politica monetaria tassi di interesse
debole crescita ha recentemente penalizzato i mercati: nelle prime due settimane di gennaio, i titoli dei settori ciclici hanno sofferto (beni di consumo discrezionali -2,8%, tecnologici -2,7%, industriali -2,6%, materiali di base -2,3%), l'azionario ha evidenziato una leggera correzione (MSCI ACWI -2,1%) e i rendimenti obbligazionari hanno raggiunto livelli estremi. Il rendimento dei Titoli di Stato USA a 10 anni ha raggiunto il livello più basso dal maggio 2013 (prima del "taper tantrum") e i rendimenti dei Titoli di Stato USA a 30 anni e dei bund tedeschi a 10 anni sono scesi a un minimo storico (rispettivamente 2,37% e 0,42%).
2. Il calo dei prezzi del petrolio potrebbe tuttavia contribuire a sostenere i prezzi degli asset: il Brent ha perso un altro 17% nelle prime due settimane di gennaio e i prezzi del petrolio sono diminuiti quasi del 60% rispetto a giugno. Questo ha contribuito a spingere al ribasso l'inflazione globale ed è probabile che garantisca un orientamento di politica monetaria espansiva nei paesi del G4 per altri sei-nove mesi.
3. Vi sono validi motivi per una ripresa della crescita nelle economie sviluppate che potrebbero beneficiare del calo del prezzo del petrolio e stiamo già assistendo a un'accelerazione delle vendite al dettaglio. Probabilmente sarà l'Eurozona, che emerge da livelli ciclicamente depressi ed è sostenuta dagli incentivi di una politica monetaria aggressiva, a registrare i miglioramenti più consistenti.
4. La Cina continua a perseguire politiche di stimolo, che ancora non hanno manifestato appieno i propri effetti. A nostro avviso tali politiche nel lungo periodo non daranno i risultati sperati ma potrebbero beneficiarne gli indicatori economici nei prossimi due-tre trimestri.
5. Il petrolio potrebbe aver raggiunto il livello minimo, perché negli USA sono iniziati i tagli a livello di offerta e la domanda sarà probabilmente sostenuta dai prezzi inferiori e dal buon ritmo costante della crescita globale.
6. Nelle prime due settimane del 2015 il fondo ha guadagnato lo 0,08%, in quanto i profitti ottenuti grazie alle posizioni corte nel settore del rame e dei macchinari globali (coperte) sono stati in parte controbilanciati da perdite derivanti dalla posizione corta nei tassi USA a 5 anni e dalla posizione corta coperta sui titoli azionari di Hong Kong.
7. Abbiamo aperto una posizione corta sui tassi USA a 5 anni, che consideriamo il modo migliore per tradurre in pratica la convinzione che vi saranno rialzi dei tassi prima del previsto, in assenza di indicazioni circa la tempistica esatta o il livello finale di tali aumenti. Abbiamo avviato una posizione lunga nei titoli di Stato brasiliani a 10 anni, dati i segnali dell'impegno della nuova amministrazione per il rigore fiscale e monetario, e l’elevato carry associato a tali operazioni. Abbiamo anche avviato una posizione corta coperta sui titoli delle raffinerie USA, poiché prevediamo un consistente ribasso dei guadagni per i prossimi anni e le valutazioni degli analisti sono estremamente ottimistiche. Abbiamo monetizzato gli utili sulla posizione corta (coperta) nell'azionario di Hong Kong, chiuso le posizioni corte nelle azioni A- e H- della Cina, e ridotto la posizione corta nell'MSCI China, avendo raggiunto il livello di stop-loss.
8. Se la nostra previsione di reflazione globale si confermasse corretta, i titoli azionari internazionali ne dovrebbero beneficiare, in particolare al di fuori degli USA (che sono ancora vulnerabili considerando le valutazioni elevate, i margini in aumento e un imminente ciclo di rialzi). Il petrolio e i titoli azionari dei mercati emergenti potrebbero guadagnare terreno, così come gli asset sensibili al petrolio, tuttavia alcune posizioni legate all'andamento della Cina (cosiddette "China plays"), che non hanno ancora risentito del rallentamento della crescita cinese, potrebbero continuare a sottoperformare.
Consulta la gallery per maggiori informazioni legate al comparto.
Consulta la scheda nella sezione fondi per accedere ai documenti associati al Diversified Alpha Plus Fund




ARTICOLO AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONISTI E QUALIFICATI.

Tutti gli investimenti comportano dei rischi, tra cui la possibile perdita del capitale. Le opinioni espresse sono quelle dell’autore/autori alla data di pubblicazione del documento e possono variare in qualsiasi momento a causa di cambiamenti del mercato o delle condizioni economiche.<br>Tutte le informazioni concernenti, i rendimenti attesi e le prospettive di mercato si basano sui risultati della ricerca, delle analisi e delle opinioni dell’autore/autori. Pertanto, talune conclusioni sono anche di natura speculativa e potrebbero quindi non realizzarsi.
I rendimenti passati non sono indicativi dei risultati futuri. Tutti gli investimenti comportano rischi, tra cui la possibile perdita del capitale.
Share:
Trending