Azad Zangana

Il giorno della verità per l’indipendenza della Scozia

18 Settembre 2014 10:15
financialounge -  Azad Zangana bilancia commerciale fisco mercati valutari referendum Scozia Unione europea
financialounge -  Azad Zangana bilancia commerciale fisco mercati valutari referendum Scozia Unione europea
Azad Zangana, European Economist di Schroders ha esaminato tutte le implicazioni dell’esito del referendum sull’indipendenza della Scozia previsto oggi.

Tra gli aspetti che l’economista mette in evidenza figurano un’enorme incertezza per le aziende con sede in Scozia, le entrate fiscali della Scozia fortemente volatili per via della significativa dipendenza dalle esportazioni del gas e del petrolio, i contraccolpi politici nel Regno Unito nel caso di una vittoria del SI, le ricadute negative nella bilancia dei pagamenti del Regno Unito per la perdita del petrolio e del gas del Mare del Nord nel caso la Scozia si separasse, e, infine, un lungo ed estenuante confronto tra le parti anche nel caso di una vittoria risicata del fronte del NO.

“Gli investitori, internazionali e nazionali, sono giustamente preoccupati per le prospettive di una vittoria del SI al referendum. Non ci sorprende quindi vedere pesi massimi della politica inglese spingersi fino in Scozia per un ultimo tentativo disperato. Nel caso il SI dovesse effettivamente prevalere, il Regno Unito e la Scozia si troverebbero in una fase di enorme incertezza, dato che i negoziati post-voto sarebbero certamente molto complicati e, potenzialmente, dannosi per la reputazione di entrambi i Paesi. Se invece dovesse essere il NO a vincere, ma senza un margine significativo, il tema probabilmente rimarrebbe attuale per molti anni, spingendo gli investitori a chiedere un premio per il rischio nel trattare con entità scozzesi” fa sapere Azad Zangana che, elenca i principali aspetti coinvolti dal referendum:

1) Il problema dell’eventuale futura valuta di una Scozia indipendente è lungi dall’essere risolto. A nostro avviso, i principali partiti politici britannici non bluffano e non acconsentiranno a un’unione monetaria. In ogni caso, anche una Scozia indipendente, parte di un’unione monetaria con il Regno Unito, farebbe sorgere gli stessi rischi che hanno causato la crisi del debito sovrano nell’Eurozona. Infatti, un’unione solo monetaria, e non anche politica e di bilancio, può portare alla nascita del cosiddetto azzardo morale, e limiterebbe molto la libertà economica della Scozia. Di conseguenza, una Scozia indipendente molto probabilmente avrebbe una propria moneta, o tenterebbe di usare la sterlina senza il permesso del Regno Unito. Entrambe le opzioni comportano differenti rischi e benefici, ma entrambe daranno vita a un’enorme incertezza per le aziende con sede in Scozia.

2) Non ci sono ancora dichiarazioni sulla posizione fiscale della Scozia da parte del governo locale. Tuttavia, l’eccessiva dipendenza dal petrolio e dal gas del Mare del Nord evidenzia come le entrate fiscali siano fortemente volatili. Inoltre, l’outlook di lungo termine è cupo – per la produzione di queste commodity, così come per le entrate, le stime sono di un sostanziale calo.

3) L’ingresso nell’Unione Europea da parte di una Scozia indipendente è dubbio, soprattutto poiché i Paesi con movimenti separatisti al loro interno bloccherebbero tale processo, per evitare di creare un precedente. Molte imprese, e soprattutto le banche, rischierebbero quindi di perdere l’accesso al più grande mercato globale.

4) A livello politico, ci sarebbero enormi conseguenze per il resto del Regno Unito. Il partito laburista, che attualmente è in testa nei sondaggi per le elezioni del prossimo anno, potrebbe perdere fino al 16% dei propri seggi, rendendo così molto più probabile una maggioranza in mano al partito conservatore. Gli investitori non comprendono ancora a pieno che ciò renderebbe quasi scontato un referendum sull’appartenenza all’Unione Europea dello stesso Regno Unito. Senza la partecipazione degli elettori scozzesi, un voto a favore della cosiddetta “Brexit” sarebbe più probabile. Secondo un sondaggio condotto a dicembre 2013 da YouGov, il Regno Unito (Scozia esclusa) vedrebbe un 46% dei voti a favore dell’uscita dall’UE versus un 37% contro; per la Scozia invece il 50% voterebbe a favore della permanenza nell’UE, a fronte di un 34% sfavorevole.

5) Con la perdita del gas e del petrolio del Mare del Nord, le finanze pubbliche britanniche potrebbero essere danneggiate, anche se l’impatto peggiore riguarderebbe il deficit della bilancia commerciale e di quella delle partite correnti. Proprio il disavanzo di parte corrente è attualmente attorno al 4,5% del PIL, ma potrebbe salire fino a un livello tra il 5,5-6,5% se la Scozia dovesse lasciare il Regno Unito. Tale percentuale si rivelerebbe vicina ai livelli associati con le crisi delle bilance dei pagamenti, elemento che scatenerebbe probabilmente un forte deprezzamento della sterlina.
Trending