large cap

Piccolo è bello

2 Aprile 2014 14:50
financialounge -  large cap small cap
financialounge -  large cap small cap
Che i mercati preferiscano i titoli a ridotta capitalizzazione non è cosa nuova, tanto che dal 1926 al 2012 i guadagni medi realizzati dai piccoli titoli sono stati superiori a quelli del cosiddetti grandi. Certo è che fra i piccoli ci sono dei veri e propri gioielli, basti pensare che il Russel Micrcap da marzo 2009 ha guadagnato un brillante +220% e che il nostrano indice Star quasi un +130%.

La conferma è arrivata anche da alcuni recenti studi: le small cap performano meglio delle large cap, praticamente in tutto il mondo, ad esclusione di soli tre paesi nel mondo: Messico, Norvegia e Malesia.
La motivazione dei risultati migliori delle aziende a piccola capitalizzazione sarebbe da ricercare nella percentuale di rischio di queste ultime: secondo il Nobel 2013 per l’economia, Eugene Fama, le small cap hanno prezzi più volatili perché sono più rischiose delle large cap: questo consente loro di registrare performance migliori ma anche, nel caso in cui lo scenario di mercato è avverso, di accumulare potenziali perdite superiori alla media di mercato.

Con l’economia americana in rafforzamento, le piccole aziende a stelle e strisce potranno continuare a rafforzare i loro profitti, anche se la prudenza rimane d’obbligo.
Read more:
Trending