diversificazione

Tre parole chiave: diversificazione, rotazione e alpha

3 Marzo 2014 - 10:20
financialounge - news
financialounge - news
Sfruttare il valore aggiunto della gestione attiva per sfruttare la volatilità dei mercati. Utilizzare i portafogli multi asset per ottimizzare la flessibilità di portafoglio. Puntare sull’azionario Europa ma con una rigorosa scelta dei titoli perché il 2014 sarà un anno di aziende vincitrici e vinte e a differenza del 2013 sarà facile sbagliare il singolo titolo su cui investire. Valutare le opportunità a lungo termine offerte dalle economie di frontiera, rappresentate dai mercati cosiddetti pre-emergenti.

Sono questi i principali suggerimenti operativi d’investimento emersi in occasione dello Schroders Insite Tour 2014. L’iniziativa, che toccherà un totale di 44 città italiane solo nel primo trimestre dell’anno per offrire ai consulenti finanziari l’opportunità di confrontarsi con il team dell'asset manager su mercati e idee di investimento, ha visto l’intervento di Donatella Principe, Responsabile Institutional Business di Schroders Italia, che ha tracciato un breve bilancio del 2013 per poi guardare all’anno da poco iniziato.

"Innanzitutto, il tasso di crescita globale nel 2014 sarà superiore rispetto al 2013. Per gli Stati Uniti la parola chiave sarà ‘accelerazione’, mentre in Europa assisteremo a una ripresa timida, a una ‘stabilizzazione’", ha esordito Principe, aggiungendo poi che “nel 2014 uno dei temi sarà quello delle differenze tra le economie sviluppate, con la ripresa a stelle e strisce sempre più solida e l’Europa ancora afflitta da problemi strutturali irrisolti” ha sottolineato Donatella Principe per la quale la volatilità accompagnerà gli investitori per tutto il 2014, senza tuttavia essere un elemento necessariamente negativo, ma anzi positivo, soprattutto per le gestioni attive, che potranno nuovamente dimostrare il loro vero valore aggiunto.

L’asset allocation sarà quindi orientata prevalentemente alle azioni, con la view di Schroders sulla componente obbligazionaria tra il neutrale e il negativo, con il settore governativo che agisce quasi esclusivamente come hedge, quindi come scudo contro i picchi di volatilità.
Per poter cogliere le opportunità offerte dall’azionario senza rinunciare all’approccio difensivo dei bond, Schroders mette a disposizione degli investitori Schroder ISF Global Multi-Asset Income, un fondo che si focalizza sugli emittenti in grado di offrire elevati e sostenibili livelli di income, diversificando a livello di paesi, settori e capitalizzazione.
Se un rialzo dei tassi di interesse da parte delle Banche centrali al momento non sembra probabile, resta da capire quali saranno i driver per l’equity nel 2014. Mentre nel 2013 alla base del rally azionario c’era l’espansione dei multipli, quest’anno sarà la crescita dei profitti a sostenere la performance. La buona notizia è che anche nell’economia dell’Eurozona si registrerà un tasso di crescita degli utili attorno alle due cifre, tra l’8 e il 12%.

Oggi il sentiment comune pare essere che se gli stock americani sono cari, l’Europa è a sconto. Effettivamente, è emerso che il livello di sconto è oggettivamente notevole, ma bisogna sottolineare che tale livello è giustificato dalla mancata generazione di profitti. C’è però un fortissimo momentum nella generazione degli utili che, pur partendo da livelli negativi, seguono un trend di miglioramento. Inoltre, i livelli di valutazione in quasi tutti i settori sono di sconto, solo i titoli cosiddetti aristocratici hanno valutazioni in linea alle medie storiche.

Per sfruttare il nuovo slancio dei mercati europei, Schroders mette a disposizione il fondo Schroder ISF European Dividend Maximiser, il quale, tramite una strategia finalizzata alla generazione di un flusso di reddito periodico che con le opzioni potenzia i dividendi dei titoli in portafoglio, rappresenta una soluzione d’investimento originale nel vasto panorama dei prodotti azionari.

Dalla tappa milanese di Schroders Insite Tour è possibile trarre tre parole chiave per investire nel 2014: 1) Diversificazione; 2) Rotazione; 3) Alpha.
“Se le tensioni dei mercati negli ultimi anni avevano messo in discussione i tradizionali equilibri, stiamo ora assistendo a una normalizzazione nelle correlazioni fra classi d’investimento. Per far fronte ai picchi di volatilità bisognerà inoltre adattare spesso i portafogli. Sarà infine importante selezionare al meglio gli asset su cui puntare perché lo Stock Picking farà la differenza: se nel 2013 il 91% delle aziende quotate sullo Standard & Poor’s ha chiuso in positivo e quindi sbagliare era difficilissimo, quest’anno sarà facilissimo scegliere l’azione sbagliata; insomma, il 2014 sarà un anno di vincitori e vinti” ha puntualizzato Donatella Principe.

La parte finale dell’evento è stata dedicata ai Frontier Markets (FM), le cosiddette economie pre-emergenti. All’inizio del loro ciclo di crescita, questi Paesi hanno tutte le carte in regola per registrare tassi di espansione economica superiori a quelli attuali della Cina. Tra le caratteristiche principali ci sono lo sviluppo demografico, la ricchezza di risorse, il basso costo del lavoro. Per accedere al potenziale dei Paesi di Frontiera, Schroders nel 2010 ha ideato Schroder ISF Frontier Markets Equity, uno dei primi fondi a investire in queste economie, che seleziona le migliori opportunità azionarie grazie a un diretto presidio dei mercati locali. I vantaggi dei FM sono innanzitutto di tipo economico, con tassi di crescita superiori ai Paesi emergenti e un costo del lavoro basso, propedeutico alla concentrazione degli investimenti esteri. Inoltre, i FM costituiscono un ottimo strumento di diversificazione nei portafogli, in virtù di una bassa correlazione con gli EM e i mercati globali.
Trending