disoccupazione

USA: inflazione contenuta e disoccupazione in calo

20 Settembre 2013 - 18:00
financialounge - news
financialounge - news
“L'inflazione rimarrà contenuta negli Stati Uniti, come continua ad esserlo nella zona euro e in Giappone, mentre il tasso di disoccupazione degli USA probabilmente continuerà a scendere al ritmo attuale, raggiungendo il 7% già nella prossima primavera e il 6,5% alla fine del 2014” a dirlo a FinanciaLounge all’indomani della decisione della Fed di congelare il quantitative easing 3 da 85 miliardi di dollari di acquisto mensile di titoli del tesoro USA è Ralf Wiedenmann, Head of Economic Research di Vontobel che aggiunge:

“Mentre pensiamo che la ripresa dei settori più sensibili al movimento dei tassi d'interesse, immobiliare e automobilistico, proseguirà sugli attuali binari di crescita, i dati economici in arrivo devono comunque essere esaminati con attenzione. Dobbiamo anche considerare, però, che nel 2014, anno in cui il consolidamento fiscale avrà un peso meno rilevate di quanto non sia stato quello esercitato nel 2013, dovrebbe beneficiare di una situazione di rilancio della crescita del PIL”.

Ralf Wiedenmann conclude con un commento sul rendimento dei titoli di stato degli Stati Uniti a 10 anni che sono aumentati di più di 100 punti base (oltre un punto percentuale) da maggio. “Secondo il nostro modello fondamentale che spiega il rendimento dei titoli a 10 anni per il tasso di interesse chiave, il ciclo economico (in base al PMI manifatturiero e alla fiducia dei consumatori) e titoli detenuti dalla Federal Reserve, i rendimenti obbligazionari hanno superato il livello di equilibrio. Pertanto, riteniamo che qualsiasi aumento del rendimento dei titoli a 10 anni oltre il 3,2% è molto improbabile nel prossimo periodo”.
Trending