crescita economica

Weekly Brief - 9 settembre 2013

9 Settembre 2013 09:30
financialounge -  crescita economica Eurozona J.P. Morgan Asset Management occupazione PMI weekly brief
financialounge -  crescita economica Eurozona J.P. Morgan Asset Management occupazione PMI weekly brief
In breve in questa edizione del Weekly Brief di J.P. Morgan Asset Management:

- I nuovi occupati non agricoli hanno raggiunto quota 169.000, un dato più debole del previsto (175.000). La disoccupazione è scesa al 7,3% contro le attese di poco superiori, al 7,4%. Nonostante il dato sulla disoccupazione sia ancora piuttosto alto, il tapering della Fed pare sempre più vicino.

- Sia la Banca di Inghilterra che la Banca Centrale Europea mantengono i tassi di interesse invariati allo 0,5%. Entrambre le Istituzioni vedono con cautela la ripresa europea e pensano a nuove misure per continuare a sostenerla. La BCE potrebbe attivare nuove immissioni di liquidità nel mercato per tenere a livelli bassi l’EONIA.


Riflessioni della settimana
I recenti dati economici hanno continuato ad indicare che la crescita nell’Area Euro potrebbe accelerare. Un dato significativo è l’Indice dei Direttori degli Acquisti del settore manifatturiero (PMI), che gli investitori utilizzano come un indicatore in tempo reale delle attività, anche grazie al fatto che è una statistica che esce tutti i mesi. Come mostrato nel grafico di seguito, il rapporto tra nuovi ordini e scorte, due sotto- componenti dell’indice PMI, continua a crescere, indicando cioè che nuovi ordini entrano più velocemente di quanto escano le scorte. Tradizionalmente, questo è un segnale che la domanda è in aumento e che l’attività economica dovrebbe accelerare in tempo ragionevole, rendendo questa tendenza un segnale incoraggiante, a favore di un’economia europea in ripresa.

Consulta dati e grafici nella gallery




ARTICOLO AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONISTI E QUALIFICATI.

Tutti
gli investimenti comportano dei rischi, tra cui la possibile perdita
del capitale. Le opinioni espresse sono quelle dell’autore/autori alla
data di pubblicazione del documento e possono variare in qualsiasi
momento a causa di cambiamenti del mercato o delle condizioni
economiche.
Tutte le informazioni concernenti, i rendimenti
attesi e le prospettive di mercato si basano sui risultati della
ricerca, delle analisi e delle opinioni dell’autore/autori. Pertanto,
talune conclusioni sono anche di natura speculativa e potrebbero quindi
non realizzarsi.
I rendimenti passati non sono indicativi dei
risultati futuri. Tutti gli investimenti comportano rischi, tra cui la
possibile perdita del capitale.
Trending