borsa

Tokyo in testa, Seoul in fondo

7 Maggio 2013 10:00
financialounge -  borsa Corea del Sud Expo 2015 giappone imprese indice mercati valutari tokyo yen
financialounge -  borsa Corea del Sud Expo 2015 giappone imprese indice mercati valutari tokyo yen
Il Nikkei 225, l’indice della Borsa di Tokyo vanta la performance migliore negli ultimi 12 mesi tra tutti i principali basket azionari internazionali: +45, 99%. Distanzia, e di molto, lo Swiss market index di Zurigo (+30,17%), l’Ibex di Madrid (+23,86%), il Cac40 di Parigi (+21,39%), il Dax di Francoforte (+21, 33%), il Comit di Piazza Affari (+16,88%), l’S&p500 di Wall Street (+15,99%), il Ftse 100 di Londra (+13,09%), l’Hang Seng di Hong Kong (+6,78%) e, soprattutto, il Kospi 200 di Seoul (-3,77%).

Proprio l’indice azionario sudcoreano chiude la graduatoria per rendimento ad un anno dei più importanti indici di Borsa. Eppure gli andamenti di Tokyo e Seoul sono le due facce della stessa medaglia. Infatti, una delle principali ragioni che spiega l’andamento divergente tra le due piazze finanziarie asiatiche risiede nei cambi valutari: negli ultimi 12 mesi, lo yen si è deprezzato del 16,9% rispetto all’euro mentre il won coreano si è rivalutato del 3,6%.

In questo modo le merci e i servizi giapponesi sono risultate molto più competitive sui mercati internazionali rispetto a quelle delle concorrenti dirette sudcoreane avvantaggiando l’export delle imprese nipponiche. E i mercati ne hanno preso puntualmente atto.
Trending