credito d'impresa

Imprese, come uscire dalla morsa del credito

14 Marzo 2013 - 10:00
financialounge - news
financialounge - news
Oltre 108 miliardi di euro. A tanto ammonta l’impatto negativo sulle imprese italiane dei 71 miliardi di euro dei debiti della Pubblica Amministrazione ancora non onorati e dei 37 miliardi di euro derivanti dalla stretta creditizia.

Il mancato pagamento degli enti della PA a imprese e privati è principalmente dovuto, nell’ordine, dai comuni, dalle province, dalle regioni, dai ministeri e dalle ASL. Tra le proposte concrete presentate per risolvere questo problema e per ridare slancio all’economia italiana che poggia le sue fondamenta proprio sulle piccole e medie imprese, prende corpo un piano da 48 miliardi di rimborsi da attuare subito che consentirebbe di alimentare un piano di almeno 10 miliardi di euro di investimenti, 7,7 dei quali già quest’anno.

Ma c’è di più. Secondo le stime degli esperti di Confindustria, questo sblocco dei pagamenti arretrati dovuti dalla PA consentirebbe alle piccole e medie imprese creditrici di aumentare il proprio merito di credito verso le banche e di aumentare fino all’1,4% l’ammontare dei finanziamenti bancari che, a loro volta, genererebbero 800 milioni di euro di investimenti aggiuntivi.
Trending