banche centrali

Rischio bolla immobiliare in Cina

25 Febbraio 2013 - 11:00
financialounge - news
financialounge - news
Le ultime stime indicano, per quest’anno, una crescita economica dell’8,5% per la Cina, in accelerazione rispetto al +7,8% dello scorso anno. Ma a preoccupare gli osservatori internazionali, oltre che le stesse autorità di Pechino, sono i prezzi degli immobili che per il terzo mese consecutivo hanno messo a segno un rialzo.

Le quotazioni delle case nel mese di gennaio hanno guadagnato posizioni in 53 delle 70 città campione dell’osservatorio. In particolare sono stati registrati incrementi superiori ai due punti percentuali per i prezzi delle abitazioni di Shenzhen, di Shanghai e di Pechino.

Aumentano quindi le pressioni sul Governo cinese al fine di ridurre la liquidità che è una delle principali cause del forte aumento delle quotazioni immobiliari: non a caso, nell’ultima settimana, la banca centrale cinese ha drenato liquidità sul mercato monetario per 146 miliardi di dollari.
Trending