banche centrali

Prospettive di crescita per gli emergenti

7 Febbraio 2013 - 19:00
financialounge - news
financialounge - news
Il 2013 sarà probabilmente ancora un anno di tassi bassi, perchè la crescita resterà moderata in un contesto in cui le banche centrali continuano a iniettare liquidità nel sistema e le aspettative di inflazione sono contenute.

Le aree emergenti dovrebbero tornare ad essere molto apprezzate per una molteplicità di fattori quali:
- Il ciclo economico si sta rafforzando, soprattutto in Cina;
- Il differenziale di crescita rispetto ai paesi sviluppati è molto ampio;
- La qualità degli emittenti di obbligazioni nelle aree emergenti è molto cresciuta.

In questo contesto di bassi tassi di interesse, aumento della propensione al rischio e ricerca di rendimento, le obbligazioni corporate dei mercati emergenti offrono grandi opportunità. I mercati asiatici sono quelli più ricchi di emissioni. L’Asia pesa per circa il 40% nell’indice JPM CEMBI Global Diversified, seguito dall’America Latina (27%). La qualità delle emissioni è molto migliorata. Il 35% circa delle emissioni hanno rating tra AAA e A, e il 27% rating BBB.
Gli AUM dei fondi investiti in questa asset class sono cresciuti negli ultimi anni e ora si stimano pari a 44 miliardi di USD (rispetto ai circa 5 miliardi di USD di inizio 2010).

Ciononostante il posizionamento degli investitori su questo mercato è ancora limitato e resta ampio spazio per un aumento della diversificazione di portafoglio. Il 2012 è stato un anno record per le emissioni di obbligazioni corporate dei mercati emergenti, che hanno raggiunto un mercato complessivo di 330 miliardi di USD. Sul totale delle emissioni in essere, oltre il 70% è rappresentato da titoli Investment Grade, che in media hanno ottimi fondamentali ma spesso anche rendimenti superiori, e quindi maggiori opportunità di convergenza dei tassi, rispetto a strumenti Investment Grade dei Paesi sviluppati.

Le prospettive per le obbligazioni corporate dei mercati emergenti sono favorevoli per diversi motivi:
-Gli indicatori ciclici delle economie emergenti sono in miglioramento;
-Le agenzie di rating stanno rivedendo al rialzo i rating societari;
-Corporate governance, trasparenza e redditività sono migliorate;
-Le valute locali possono amplificare le performance attese.

Tra i settori preferiti si evidenziano:
-Le società del settore immobiliare in Cina;
-Le società industriali messicane, che beneficiano della ripresa economica più sostenuta in America;
-Le società impegnate nel settore dei metalli non ferrosi, per le quali si prevde una ripresa della domanda a livello globale e un calo delle scorte.

Consulta dati e grafici sul tema guardando la gallery.
Trending