Dazi: complicato individuare i perdenti, ma l’incertezza pesa sull’economia

Le catene di approvvigionamento aziendale sono diventate più integrate a livello globale, aumentando in modo significativo la forza e la complessità dei collegamenti economici su scala mondiale.

“Nel complesso, riteniamo che le recenti politiche e proposte commerciali dell’amministrazione Trump rappresentino un rischio negativo per le nostre prospettive economiche statunitensi rispetto all’orizzonte ciclico (da sei a 12 mesi), mentre l’impatto a più lungo termine è meno certo” fanno sapere Libby Cantrill e Tiffany Wilding, rispettivamente managing director ed head of public policy ed executive vice president per PIMCO.

IL SENTIERO VIRTUOSO È PIENO DI INSIDIE

Certo, nel momento in cui tutte le tattiche messe in campo da Washington, Pechino e gli altri partner commerciali dovessero tradursi in scambi più liberi e più equi, ciò sarebbe di buon auspicio per le prospettive di crescita a più lungo termine. Tuttavia, le due esperte ritengono che il sentiero per garantire guadagni economici a lungo termine sia pieno di insidie e, in ogni caso, si renderà necessario tollerare alcune potenziali perturbazioni economiche a breve termine.

IL VULNUS DELLE CATENE DI APPROVVIGIONAMENTO AZIENDALE

“Negli ultimi 20 anni, le catene di approvvigionamento aziendale sono diventate più integrate a livello globale, aumentando notevolmente la forza e la complessità dei collegamenti economici globali e il potenziale shock economico in caso di interruzione di queste catene di approvvigionamento” spiegano Libby Cantrill e Tiffany Wilding. Il riferimento delle due esperte è al fatto che di solito, quando si parla di politiche commerciali, si determinano vincitori (i produttori nazionali di prodotti destinati a maggiori dazi di importazione) e perdenti (famiglie o imprese che devono pagare prezzi più alti).

DIFFICILE STABILIRE VINCITORI E PERDENTI

Ma stavolta è diverso poiché stabilire chi vince è difficile mentre è facile che a perdere siano un po’ tutti. Per esempio, i produttori di automobili nazionali, che dovrebbero trarre beneficio dall’aumento dei prezzi delle auto straniere importate, tendono a rifornirsi di una parte significativa di componenti all’estero: prezzi degli input più elevati tenderebbero probabilmente a compensare eventuali maggiori profitti attesi. E lo stesso discorso vale per molte altri settori, compreso quello della tecnologia avanzata statunitense che ricorre a una miriade di fornitori al di fuori degli States. Le implicazioni complessive finali delle politiche commerciali dell’amministrazione Trump sull’economia dipenderanno anche dalle risposte che forniranno le imprese e i mercati globali.

Dollaro USA, per i prossimi sei mesi prevalgono i fattori a sostegno

Dollaro USA, per i prossimi sei mesi prevalgono i fattori a sostegno

L’AUMENTO DELL’INCERTEZZA FRENA GLI INVESTIMENTI

“Resta il fatto che l’aumento dell’incertezza, come abbiamo visto di recente (indicato dal Baker, Bloom e Davis Global Economic Uncertainty Index), ha storicamente coinciso con il rallentamento degli investimenti delle imprese e una maggiore avversione al rischio nei mercati finanziari” sottolineano Libby Cantrill e Tiffany Wilding.

UN CONTESTO IN PEGGIORAMENTO

Non solo. Negli ultimi tempi, le indagini sulla fiducia delle imprese negli Stati Uniti e le opinioni dei responsabili degli acquisti sulle prospettive a breve termine, hanno evidenziato un certo peggioramento del contesto. E questo senza dimenticare che qualsiasi rallentamento della crescita globale potrebbe anche influenzare l’economia degli Stati Uniti.

La falce dei dazi USA sulla crescita delle società tecnologiche asiatiche

La falce dei dazi USA sulla crescita delle società tecnologiche asiatiche

GLI IMPATTI SU PIL E INFLAZIONE USA

In base alle stime delle due esperte, la combinazione dell’impatto economico diretto dei dazi proposti pari al 25% su 200 miliardi di dollari di import di prodotti cinesi e di quelli già annunciati del 25% su 50 miliardi di dollari di merci di Pechino, potrebbe sottrarre qualche decimale dalla crescita del PIL reale statunitense nel prossimo anno e incrementare tra lo 0,3% e lo 0,4% l’inflazione americana headline (comprensiva di tutte le voci).

**  Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge. Una parte di contenuti e dati gentilmente concessi da Pimco

donvictorio / iStock / Getty Images Plus


FinanciaLounge
9 agosto 2018
Partner
Top