I grandi creditori preoccupati sul rischio di default USA

Il Giappone e la Cina, i due più grandi creditori stranieri degli Stati Uniti, hanno espresso preoccupazione per il rischio di un default USA, dal momento che il Presidente Barack Obama e i repubblicani rimangono bloccati.

“Sebbene gli Stati Uniti saranno probabilmente in grado di evitare una crisi fiscale, il Giappone deve considerare l’impatto di un default sulle sue partecipazioni del Tesoro” ha dichiarato il Ministro delle Finanze giapponese Taro Aso in una conferenza stampa a Tokyo, mentre il Vice Ministro delle Finanze cinese Zhu Guangyao ha detto ieri che gli Stati Uniti dovrebbero in tutti i modi evitare un default.

Secondo il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, la Cina detiene 1.280 miliardi dollari in titoli del Tesoro mentre il Giappone 1.140 miliardi dollari: qualsiasi cambiamento di asset allocation adottati da importanti portatori dei Treasury USA potrebbe spingere verso l’alto i tassi di interesse degli Stati Uniti e causare sbalzi nei mercati valutari globali.

Secondo Takatoshi Ito, capo di un gruppo di esperti di consulenza Government Pension Investment Fund giapponese, il maggior gestore al mondo di risparmio previdenziale, un default degli Stati Uniti sarebbe peggiore del colpo all’economia globale derivante dal crollo di Lehman Brothers nel 2008.




FinanciaLounge
8 Ottobre 2013
Partner
Top