Aumentare l’esposizione azionaria guardando ai temi di lungo periodo

La correzione dei mercati partita da inizio ottobre ha creato opportunità soprattutto per il medio e lungo termine: l’esempio delle pensioni “fai da te” nel Regno Unito

Il 2 ottobre Jeff Saut, strategist per gli investimenti presso Raymond James, ha suggerito ai propri clienti di raccogliere un po’ di liquidità dagli investimenti azionari per anticipare quello che prevedeva sarebbe stato un periodo di debolezza in Borsa. Due mesi e mezzo dopo, sta rimettendo quei soldi al lavoro, reinvestendoli nel mercato azionario. “Penso che riceveremo delle soddisfazioni nel 2019 dal momento che non penso che l’economia rallenterà così tanto, e continuo a ritenere che i guadagni saranno più consistenti di quanto la maggior parte degli outlook preveda. E, soprattutto, sono persuaso che gli investitori siano attualmente sottoesposti in Borsa” ha dichiarato in un’intervista a CNBC la scorsa settimana.

DUE RIALZI DEI TASSI FED NEL 2019

Da notare che l’esperto, si aspetta almeno due rialzi dei tassi di interesse da parte della Fed il prossimo anno ma senza che questo possa cambiare il paradigma positivo a lungo termine che il mercato azionario ha tenuto dall’ottobre 2008. Jeff Saut, tuttavia, riconosce che ci saranno più segnali di negatività lungo la strada, in particolare, ha indicato febbraio come mese di ‘potenziale vulnerabilità al ribasso’ per il mercato.

TEMI DI INVESTIMENTO DI LUNGO TERMINE

Volgendo lo sguardo al 2019, anche per Philip Dicken, Responsabile azionario Europa di Columbia Threadneedle Investments si dovrà mettere in conto un aumento della volatilità nel breve termine. Ma l’esperto preferisce concentrarsi sui temi di lungo termine che vanno sviluppandosi. Soprattutto in una fase come questa caratterizzata da instabilità e da volatilità che fanno affiorano le inefficienze e consentono ai gestori attivi di lungo termine di catturare occasioni interessanti.

Radio – Conti alla Rovescia – Investire nel 2019

Conti alla Rovescia – Investire nel 2019

GLI EFFETTI DELLA GLOBALIZZAZIONE

Peraltro, come fa notare Philip Dicken, già adesso è possibile individuare occasioni di lungo periodo. Per esempio, se è vero che la globalizzazione ha creato implicazioni negative in alcune economie, è altrettanto vero che gli investitori, le aziende e i consumatori possono beneficare di straordinarie opportunità. “Grazie alle nuove tecnologie condivisibili il modo in cui le persone lavorano, fanno acquisti, vivono e si spostano è profondamente cambiato, spesso con vantaggi non indifferenti: basti pensare a quanto sia economico comprare tecnologia o abbigliamento, o viaggiare nel mondo” spiega Philip Dicken aggiungendo come, in ambito industriale, invece, i nuovi materiali o le nuove normative sul controllo delle emissioni stiano dettando le linee guida per un futuro più sostenibile.

LA SFIDA DEL FINTECH

Merito anche del fintech (la tecnologia finanziaria) che sprona l’intero settore bancario, assicurativo e dell’asset management a rimodellarsi per rispondere in modo più efficiente alla domanda del mercato. “Un esempio su tutti. La liberalizzazione delle norme pensionistiche britanniche ha permesso al mercato delle pensioni fai da te, che fino a pochi anni fa nemmeno esisteva, di registrare una rapida espansione creando diverse opportunità interessanti per gli investitori e stimolando la risposta dei player tradizionali di settore” spiega Philip Dicken.

LO ‘STATO MINORE’

Il quale passa poi ad analizzare un tema all’interno del proprio portafoglio, quello dello ‘Stato minore’, cioè il tema legato all’invecchiamento della popolazione occidentale, che rende sempre più difficoltoso da parte dei governi l’erogazione delle prestazioni sanitarie e pensionistiche. “Le nuove tecnologie e i nuovi fornitori di servizi stanno creando efficienze, e le società in grado di colmare il divario lasciato da sistemi sanitari pubblici sempre più stremati rappresentano spesso delle opzioni d’investimento molto allettanti” puntualizza l’esperto. Il quale specifica di evitare le aziende che ancora applicano o si basano, su modelli di business legati alle vecchie regole e che, di conseguenza, sono destinate alle problematiche di lungo termine create dall’evoluzione della società.

Nikada / E+


FinanciaLounge
20 Dicembre 2018
Partner
Top